Italia Markets closed

Rigopiano, all'asta il "tesoro" dell'hotel: parenti vittime sconvolte

Un anonimo acquirente si aggiudicato all’asta il prezioso, quanto macabro, “tesoro” nascosto della Spa di Farindola. Offerta di rilancio di 1800 euro per vini, birre, champagne e arredi dell’Hotel Rigopiano che, nel 2017, fu luogo della tragedia che uccise 29 persone dopo la caduta di una valanga. Sgomento tra i familiari delle vittime che, attraverso l’avvocato Romolo Reboa, hanno esternato il proprio choc.

GUARDA ANCHE - Udienza Rigopiano rinviata, lo sfogo delle famiglie delle vittime

"Le ha messe in vendita il curatore del Fallimento 70/2010, Del Rosso srl, mentre non è conosciuto chi farà il macabro brindisi al prezzo di aggiudicazione di 1.800 euro e ha partecipato per rilanciare, dato che il prezzo base era di 700 euro. L'annuncio è apparso sul sito Aste Giudiziarie", ha ammesso il legale tramite Ansa.

Reboa ha poi proseguito: “"Ciò che ha sconvolto i miei assistiti è che vi è stata una macabra asta che ha visto più persone competere per assicurarsi le bottiglie della cantina della morte".

LEGGI ANCHE - Prenota hotel con carta di credito rubata, arrestata dai carabinieri

La replica del curatore

"Le cose non stanno in questi termini” ha replicato il curatore sotto accusa. Infatti “con l'autorizzazione del giudice li sto mettendo in vendita, ma non c'è alcun collegamento tra i beni all'asta e le vicende che riguardano la valanga che ha poi travolto l'albergo, così come non c'entrano le vittime. Sono commenti speculativi".