Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    41.334,77
    +456,81 (+1,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    -0,0063 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,51 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,1085
    -0,0036 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5068
    -0,0094 (-0,62%)
     

Ritardi giustizia civile principale freno a calo sofferenze bancarie - Visco

·1 minuto per la lettura
Il Governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco

ROMA (Reuters) - Sono i lunghi tempi della giustizia civile in Italia la principale causa delle difficoltà delle banche a ridurre i crediti deteriorati, ha detto il governatore di Bankitalia Ignazio Visco in audizione parlamentare.

Se la giustizia civile italiana avesse tempi in linea con il resto d'Europa, anche il meccanismo del calendar provisioning - che fissa tempi anno per anno per la completa svalutazione dei crediti deteriorati - non sarebbe considerato un problema, ha aggiunto Visco.

Visco ha anche ricordato che proprio i crediti di difficile recupero, scaduti, inadempienze probabili e sofferenze, sono il principale rischio che le banche si trovano ad affrontare.

Con la pandemia, il governo ha adottato misure di protezione dei debitori - imprese e famiglie - con moratorie e prestiti garantiti, ma c'è consenso diffuso che la fine dell'emergenza farà emergere molte posizioni in sofferenza ora coperte dalle misure di sostegno.