Italia markets close in 5 hours 32 minutes
  • FTSE MIB

    21.312,01
    -521,49 (-2,39%)
     
  • Dow Jones

    31.029,31
    +82,32 (+0,27%)
     
  • Nasdaq

    11.177,89
    -3,65 (-0,03%)
     
  • Nikkei 225

    26.393,04
    -411,56 (-1,54%)
     
  • Petrolio

    109,48
    -0,30 (-0,27%)
     
  • BTC-EUR

    18.352,85
    -1.039,34 (-5,36%)
     
  • CMC Crypto 200

    409,59
    -30,07 (-6,84%)
     
  • Oro

    1.813,00
    -4,50 (-0,25%)
     
  • EUR/USD

    1,0432
    -0,0012 (-0,11%)
     
  • S&P 500

    3.818,83
    -2,72 (-0,07%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.432,17
    -82,15 (-2,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8593
    -0,0018 (-0,21%)
     
  • EUR/CHF

    0,9996
    +0,0031 (+0,31%)
     
  • EUR/CAD

    1,3466
    +0,0007 (+0,05%)
     

Sanzioni Ue contro Russia non "sufficienti" - funzionario ucraino

Le bandiere dell'Unione europea a Bruxelles

MADRID (Reuters) - Le nuove sanzioni dell'Unione europea contro la Russia, che vietano la maggior parte delle importazioni di petrolio, "non sono sufficienti" e il ritmo delle sanzioni è stato finora troppo lento, ha detto un alto funzionario dell'ufficio del presidente ucraino in un discorso tenuto a Madrid.

In quella che fino ad ora è stata la più dura risposta del blocco contro Mosca dall'invasione dell'Ucraina tre mesi fa, nella giornata di ieri un vertice dell'Ue a Bruxelles ha concordato misure che, secondo i funzionari, taglieranno immediatamente oltre due terzi delle importazioni di petrolio dalla Russia, con l'obiettivo di eliminarne il 90% entro la fine dell'anno.

"Se me lo chiedete, direi che queste misure sono decisamente troppo lente, arrivano troppo tardi e non sono neanche lontanamente sufficienti", ha detto Ihor Zhovkva, vice capo dell'ufficio del Presidente Volodymyr Zelensky.

L'Ucraina inoltre non è soddisfatta del ritmo delle forniture di armi da parte dell'Occidente

"Non siamo assolutamente soddisfatti", ha detto Zhovkva rispondendo a una domanda dopo il suo discorso.

"Se fossimo stati soddisfatti, avremmo iniziato immediatamente la liberazione di Mariupol e avremmo cacciato le forze russe dal Donbass", ha detto. "Crediamo nelle promesse".

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli