Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.586,88
    -58,96 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    32.803,47
    +76,65 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    12.657,55
    -63,03 (-0,50%)
     
  • Nikkei 225

    28.175,87
    +243,67 (+0,87%)
     
  • Petrolio

    88,53
    -0,01 (-0,01%)
     
  • BTC-EUR

    22.654,45
    -289,11 (-1,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    533,20
    -2,02 (-0,38%)
     
  • Oro

    1.772,60
    -15,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,0187
    -0,0063 (-0,61%)
     
  • S&P 500

    4.145,19
    -6,75 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    20.201,94
    +27,90 (+0,14%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.725,39
    -29,21 (-0,78%)
     
  • EUR/GBP

    0,8431
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CHF

    0,9789
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,3164
    -0,0018 (-0,13%)
     

Si stabilizza dopo calo vicino a minimi di 6 mesi

Una pompa petrolifera a Calgary, in Canada

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono sostanzialmente stabili, mentre il mercato valuta la scarsità dell'offerta in un contesto di timori per la domanda, dopo che l'accumulo di scorte di greggio e di benzina negli Stati Uniti ha fatto scendere i prezzi ai minimi di diversi mesi nella seduta precedente.

Intorno alle 12,00 i futures sul Brent sono in rialzo di 53 centesimi, pari allo 0,54%, a 97,29 dollari al barile, mentre i futures del West Texas Intermediate guadagnano 76 centesimi, o l'0,82%, a 91,41 dollari.

Entrambi i benchmark erano calati ieri ai livelli più bassi da prima dell'invasione russa dell'Ucraina del 24 febbraio, che Mosca chiama una "operazione speciale".

La decisione di ieri dell'Opec+ di aumentare l'obiettivo di produzione di petrolio di 100.000 barili al giorno a settembre ha contribuito ad alimentare un sentiment ribassista.

Sebbene l'aumento equivalga ad appena lo 0,1% della domanda globale, le prospettive della domanda rimangono offuscate dai crescenti timori di una contrazione dell'economia negli Stati Uniti e in Europa, dalle difficoltà del debito nelle economie dei mercati emergenti e da una rigida politica contro il Covid-19 in Cina, il maggiore importatore di petrolio al mondo.

Un ulteriore sostegno ai prezzi è arrivato dal Consorzio dell'oleodotto del Caspio (Cpc), che collega i campi petroliferi kazaki con il porto russo di Novorossiisk sul Mar Nero, e che ieri ha detto che le forniture sono notevolmente diminuite.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli