Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.166,48
    +675,59 (+2,29%)
     
  • Nasdaq

    11.129,60
    +314,17 (+2,90%)
     
  • Nikkei 225

    26.992,21
    +776,42 (+2,96%)
     
  • EUR/USD

    0,9985
    +0,0158 (+1,61%)
     
  • BTC-EUR

    20.122,20
    +443,85 (+2,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    456,12
    +10,68 (+2,40%)
     
  • HANG SENG

    17.079,51
    -143,32 (-0,83%)
     
  • S&P 500

    3.773,22
    +94,79 (+2,58%)
     

Soldi per le armi all'Ucraina: 1,5 miliardi stanziati da 26 paesi occidentali

Un miliardo e mezzo per l'Ucraina. È questa la cifra messa sul tavolo dai 26 paesi occidentali (tra cui Ue, Usa, Canada, Australia, Nuova Zelanda e Giappone) che si sono riuniti in Danimarca per dare supporto militare al paese invaso dalla Russia. I rappresentanti hanno parlato in videoconferenza con il presidente ucraino Zelensky.

Ecco l'annuncio del padrone di casa, il ministro della Difesa danese, Morten Bodskov: "In totale i partecipanti oggi hanno messo sul tavolo più di un miliardo e mezzo per l'Ucraina. Il Regno Unito sta creando un fondo per raccogliere i soldi per aumentare la produzione di armi".

Presente a Copenaghen il ministro della Difesa ucraino.

Non c'è tempo per essere stanchi. È una maratona e per la maratona si ha bisogno di energia e in questo caso sinceramente l'energia sono i soldi. I nostri partner sanno che abbiamo bisogno di fondi e si sono subito dimostrati pronti a supportarci finanziariamente

Soldi, ma non solo. Diverse nazioni manderanno specialisti per addestrare le truppe ucraine sul suolo britannico; l'operazione è stata soprannominata Interflex. Verrà creata anche una task force per lo sminamento del territorio, con il coordinamento islandese.

Polonia, Slovacchia e Repubblica Ceca hanno segnalato la volontà di espandere la produzione di sistemi di artiglieria, munizioni e altre attrezzature.

Il prossimo incontro è previsto online per settembre.