Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.717,42
    +79,23 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,36 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,09 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    28.948,73
    -9,83 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    70,78
    +0,49 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    29.542,37
    -1.533,28 (-4,93%)
     
  • CMC Crypto 200

    924,19
    -17,62 (-1,87%)
     
  • Oro

    1.879,50
    -16,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2107
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,25 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.126,70
    +30,63 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0870
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,4713
    -0,0008 (-0,05%)
     

Stellantis, Automobiles Peugeot sotto accusa a Parigi su emissioni

·1 minuto per la lettura
Il logo della casa automobilistica francese Peugeot al Motor Show di Bruxelles

MILANO (Reuters) - Automobiles Peugeot, società del gruppo Stellantis, è stata messa "en examen" dal tribunale di Parigi per accuse di frode ai consumatori in merito alla vendita in Francia di veicoli diesel Euro 5 tra il 2009 e il 2015.

Come spesso avviene nelle inchieste penali francesi, Automobiles Peugeot dovrà pagare una cauzione di 10 milioni di euro e fornire una garanzia bancaria di 30 milioni per il potenziale risarcimento danni, dice una nota.

Automobiles Peugeot sta valutando le proprie opzioni di difesa anche a questo proposito.

Nell'ambito della stessa inchiesta, altre due aziende del gruppo, Automobiles Citroën e FCA Italy, sono state citate a comparire davanti al tribunale di Parigi, rispettivamente il 10 giugno e nel mese di luglio.

Le società interessate sono "fermamente convinte che i propri sistemi di controllo delle emissioni soddisfacessero tutti i requisiti applicabili nei periodi in questione e continuino a farlo tuttora e attendono di poterne dare dimostrazione".

Il gruppo Stellantis "in continuità con le politiche dei suoi predecessori coopererà pienamente con la giustizia per risolvere rapidamente la questione", conclude la nota.

(in redazione a Milano Gianluca Semeraro, Maria Pia Quaglia)