Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.011,74
    +219,07 (+0,63%)
     
  • Nasdaq

    14.881,38
    +100,84 (+0,68%)
     
  • Nikkei 225

    27.728,12
    +144,04 (+0,52%)
     
  • EUR/USD

    1,1840
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • BTC-EUR

    34.439,66
    +609,26 (+1,80%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.000,95
    +25,06 (+2,57%)
     
  • HANG SENG

    26.204,69
    -221,86 (-0,84%)
     
  • S&P 500

    4.424,58
    +21,92 (+0,50%)
     

Sui migranti l'Europa discute dieci minuti: ok al testo senza dibattito

·1 minuto per la lettura
(Photo: OLIVIER HOSLETEPA)
(Photo: OLIVIER HOSLETEPA)

Dieci minuti. Il tempo necessario per adottare la bozza di conclusioni finali senza modifiche e soprattutto senza dibattito tra i 27 leader. È questo il tempo che il Consiglio Europeo riunito a Bruxelles dedica al tema dell’immigrazione, argomento che Mario Draghi e lo spagnolo Pedro Sanchez hanno voluto fosse inserito nell’agenda di quest’ultimo vertice prima della pausa estiva. All’Europa building, dove si tiene il summit, il dossier migranti diventa una sorta di parentesi tra la lunga discussione sul covid, che apre i lavori, e la discussione sulla legge ungherese anti-Lgbtqi, con una sorta di ‘processo’ a Viktor Orban ancora in corso mentre scriviamo.

Le conclusioni, come anticipavamo nei giorni scorsi, si concentrano sulla necessità di “intensificare i partenariati e la cooperazione con i paesi d’origine e transito, come parte integrante dell’azione esterna dell’Unione Europea”, promettono un “approccio pragmatico, flessibile e su misura”, invitano la Commissione Europea a presentare “piani d’azione per i paesi prioritari di origine e transito nell’autunno 2021, con obiettivi chiari, ulteriori misure di sostegno e tempistiche concrete”. Come previsto, nel testo non si parla di redistribuzione degli arrivi dal nord Africa negli altri paesi europei. Come previsto, il capitolo Turchia, vale a dire il rinnovo dell’accordo con Erdogan per frenare i flussi dai Balcani diretti prevalentemente in Germania, viene affrontato come argomento a parte, a cena, con l’invito alla Commissione a presentare una proposta concreta subito, nel giro di poche settimane.

Due pesi, due misure, dettate anche dal fatto che mentre per gli accordi per frenare le rotte africane si scontrano con l’instabilità dei governi interessati, a partire dalla Libia, l’intesa con Erdogan, voluta da Angela Merkel dopo l’emergenza migranti del 2015, si po...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli