Italia markets open in 3 hours 10 minutes
  • Dow Jones

    29.872,47
    -173,77 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    12.094,40
    +57,62 (+0,48%)
     
  • Nikkei 225

    26.426,67
    +129,81 (+0,49%)
     
  • EUR/USD

    1,1927
    +0,0009 (+0,07%)
     
  • BTC-EUR

    14.829,07
    -837,70 (-5,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    344,67
    -25,84 (-6,97%)
     
  • HANG SENG

    26.672,52
    +2,77 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.629,65
    -5,76 (-0,16%)
     

L'età non conta: così i medici scelgono chi salvare. La rivelazione

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Terapia intensiva, i medici scelgono chi salvare: spunta un documento (AP Photo/Alessandra Tarantino)
Terapia intensiva, i medici scelgono chi salvare: spunta un documento (AP Photo/Alessandra Tarantino)

Si chiama “Decisioni per le cure intensive in caso di sproporzione tra necessità assistenziali e risorse disponibili in corso di pandemia da Covid-19” ed è un documento destinato a far parlare. Nel testo si leggono i criteri che i medici, gli anestesisti in particolare, dovrebbero seguire nel caso in cui dovessero trovarsi a scegliere chi ricoverare prima in terapia intensiva.

GUARDA ANCHE - Come funziona il test fai da te

Il protocollo, messo a punto dalla Società italiana di anestesia analgesia rianimazione e terapia intensiva e dalla Società italiana di medicina legale e delle assicurazioni, è riportato dal Messaggero.

“Fermi restando i principi costituzionali si rende necessario ricorrere a scelte di allocazione delle risorse”, si legge nel testo. In particolare, si dovrà accertare chi “potrà con più probabilità o con meno probabilità superare la condizione critica con il supporto delle cure intensive”. Quindi, l’età non è più il solo criterio.

GUARDA ANCHE - I guanti monouso sono utili?

La presidente della Società italiana di anestesia, analgesia, rianimazione e terapia intensiva Flavia Petrini ha spiegato: “Lo scenario in cui ci siamo trovati a marzo sta purtroppo tornando attuale con un'intensità e una durata ancora non quantificabili. Per questo si è lavorato sui criteri di scelta di fronte a una eventuale mancanza di letti in terapia intensiva”.

“Ci sono situazioni - ha aggiunto - in cui è impossibile trattare tutti. In questi casi la sola etica ippocratica risulta insufficiente. Occorre applicare il triage. E come ogni atto medico deve basarsi innanzi tutto sui criteri di appropriatezza e proporzionalità”.