• Dow Jones

    29.872,47
    -173,77 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    12.094,40
    +57,62 (+0,48%)
     
  • Nikkei 225

    26.522,65
    +225,79 (+0,86%)
     
  • EUR/USD

    1,1929
    +0,0010 (+0,08%)
     
  • BTC-EUR

    14.988,61
    -678,16 (-4,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    348,95
    -21,56 (-5,82%)
     
  • HANG SENG

    26.731,26
    +61,51 (+0,23%)
     
  • S&P 500

    3.629,65
    -5,76 (-0,16%)
     

Tim pronta a procedere con progetto rete unica - Gubitosi

·1 minuto per la lettura
Logo di Telecom Italia
Logo di Telecom Italia

MILAN (Reuters) - Telecom Italia (TIM) è pronta ad andare avanti con i negoziati sul piano per la creazione di una rete unica con Open Fiber, promosso dal governo, una volta che gli azionisti di quest'ultima avranno preso una decisione.

"E' tutto pronto per andare avanti" con il negoziato, ha detto il Ceo Luigi Gubitosi, aggiungendo che gli advisor sono stati nominati, durante la conference call sui risultati del terzo trimestre.

"Ora è tutto nelle mani di Cdp e del governo, che stanno negoziando con Enel", ha aggiunto, sottolineando di non essere nella posizione per dire quando Enel prenderà una decisione in merito alla sua quota in Open Fiber, per la quale ha ricevuto un'offerta dal fondo austrialiano Macquarie.

"Il governo ha ripetuto varie volte che è arrivato il momento di prendere una decisione", ha detto Gubitosi.

L'amministratore delegato di Tim ha aggiunto che Fibercop, la società partecipata da Kkr e Fastweb dove l'ex monopolista sta facendo confluire la sua rete secondaria, in rame e in fibra, deve ancora ricevere l'ok regolatorio ma dovrebbe essere pienamente operativa nel primo trimestre.

"Non mi aspetto ci saranno ritardi", ha sottolineato.

Gubitosi ha poi detto di non essere al corrente di termini fissati per lo switch-off della rete in rame da parte del governo, ma di non essere in principio ostile all'idea.

Nei piani di Tim, Fibercop dovrebbe fungere da acceleratore per il passaggio della rete dal rame alla fibra ottica.

Fibercop, in cui dovrebbe poi essere inclusa la rete primaria di Tim, che va dalle centraline fino agli armadi, dovrebbe fondersi con Open Fiber, creando un operatore integrato di rete.

(Elvira Pollina, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)