Italia Markets close in 1 hr 1 min

Titoli azionari europei: influenza della geopolitica e delle statistiche statunitensi

Bob Mason

Calendario economico:

Martedì 7 gennaio 2020

CPI dell’Eurozona (YoY) (Dic) Prelim

CPI Core Euro (YoY) (Dic) Prelim

Vendite al dettaglio dell’Eurozona (MoM) (Nov)

Mercoledì 8 gennaio 2020

Ordini di fabbrica tedeschi (MoM) (Nov)

Giovedì 9 gennaio 2020

Produzione industriale tedesca (MoM) (Nov)

Bilancia commerciale tedesca (Nov)

Tasso di disoccupazione dell’Eurozona (Nov)

Verbale della riunione di politica monetaria della BCE

Titoli principali

È stato un inizio ribassista della settimana per le major europee, con il DAX30 in calo dello 0,70%, che ha portato la discesa verso il basso nella giornata. Il CAC40 e EuroStoxx600 hanno visto perdite più modeste rispettivamente dello 0,51% e 0,41%.

Avrebbe potuto andare molto peggio in quel giorno, con il DAX30 che era sceso del 2,05% prima di trovare supporto.

La crescente tensione tra Stati Uniti e Iran, in seguito all’attacco con i droni di giovedì sera, ha continuato a pesare sulle major.

Nonostante l’avversione al rischio nella prima parte della giornata, le major statunitensi sono tornate indietro per chiudere la giornata in territorio positivo.

Il sentimento positivo nei confronti delle prospettive economiche statunitensi ha messo in ombra il sentimento negativo nei confronti delle tensioni in Medio Oriente. Le cose potrebbero cambiare rapidamente se l’Iran dovesse reagire, tuttavia…

Le Statistiche

Lunedì è stata una giornata intensa nel calendario economico dell’Eurozona. Le statistiche chiave includevano i dati sulle vendite al dettaglio tedeschi per i numeri PMI del settore dei servizi di novembre e dicembre per l’Italia e la Spagna. Anche i numeri PMI finalizzati per la Francia, la Germania e l’Eurozona erano al centro delle PMI composte.

Dalla Spagna

Il PMI dei servizi è salito da 53,2 a 54,9 a dicembre, anticipando un 53,9 previsto.

  • La crescita del settore dei servizi si è rafforzata a un massimo di 9 mesi.
  • La forte domanda interna ha guidato la crescita di nuove attività, mentre le vendite all’esportazione hanno visto una crescita più debole.
  • Le incertezze politiche ed economiche hanno continuato a pesare sulla domanda nei mercati esterni.
  • La fiducia ha toccato un massimo di 5 mesi a dicembre, supportata da una forte domanda negli ultimi 2 mesi.

Dall’Italia

Il PMI dei servizi è aumentato da 50,4 a 51,1 a dicembre, anticipando un 51,0 previsto.

  • Le attività commerciali sono aumentate a un ritmo più rapido, sostenute da un miglioramento della domanda interna.
  • I nuovi ordini erano in aumento a livello nazionale, mentre i nuovi ordini dall’estero sono diminuiti per il 7° mese consecutivo.
  • La forte domanda interna ha contribuito ad aumentare le assunzioni, sebbene il tasso di creazione di posti di lavoro sia stato il più debole da aprile.

Dalla Germania

Le vendite al dettaglio sono aumentate del 2,1% a novembre, di mese in mese, invertendo una scivolata dell’1,3% rivista in ottobre. Secondo Destatis,

  • Rispetto all’anno precedente, il fatturato nel commercio al dettaglio è stato nei primi undici mesi del 2019 in termini reali superiore del 2,9% rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente.

Il PMI dei servizi tedeschi è arrivato a 52,9 per dicembre, precedendo un prelim e una previsione di 52,0. A novembre il PMI si era attestato a 51,7.

  • La crescita del settore dei servizi ha raggiunto il massimo in 4 mesi, supportata da un aumento di nuove attività da agosto.
  • La raccolta di nuovi ordini ha alimentato l’ottimismo, con le aspettative del business che hanno raggiunto un massimo di 8 mesi.
  • Nonostante l’aumento di nuovi ordini, i nuovi ordini dall’estero hanno continuato a diminuire, sebbene al tasso di declino più debole in 10 mesi.
  • Mentre le aziende hanno continuato ad assumere, il ritmo di creazione di posti di lavoro è stato il 2° più debole in 19 mesi.

Dalla Francia

Il PMI dei servizi è arrivato a 52,4 per dicembre, anch’esso in linea con i prelim e le previsioni. A novembre, il PMI si era attestato a 52,2.

  • Una ripresa marginale dell’attività commerciale del settore dei servizi è stata supportata da una solida espansione delle nuove attività.
  • I nuovi ordini sono aumentati per il 9° mese consecutivo a dicembre, con il rialzo proveniente dalle vendite internazionali.
  • L’acquisizione in nuovi affari ha portato all’arretrato degli arretrati al ritmo più rapido dal 18 ottobre.
  • Anche le imprese hanno continuato ad assumere a dicembre.
  • Nonostante le continue assunzioni e l’aumento degli arretrati, l’ottimismo è sceso ai più deboli da agosto.

Per l’Eurozona

Il PMI composito è arrivato al 50,9 per dicembre, precedendo un prelim e il novembre 50,6.

Secondo l’indagine di Markit di dicembre,

  • Mentre l’indice di produzione è leggermente migliorato, la crescita economica è rimasta debole.
  • Nonostante abbia toccato un massimo di 4 mesi, la PMI ha continuato a sedere a uno dei livelli più bassi visti dalla prima metà del 2013.
  • La divergenza tra i settori manifatturiero e dei servizi ha continuato ad essere evidente, con la crescita del settore dei servizi che ha toccato un massimo di 4 mesi.
  • Al contrario, il settore manifatturiero ha registrato un calo della produzione a un ritmo non superato in quasi 7 anni.
  • Per paese, l’Irlanda è passata al primo posto, con il composito che ha toccato un massimo di 6 mesi.
  • La Spagna ha toccato un massimo di 8 mesi, mentre l’Italia è scivolata a un minimo di 11 mesi per far salire le retrovie.
  • Tra il destino e l’oscurità, c’erano comunque delle buone notizie. La Germania si è spostata dal fondo, con il composito che ha toccato un massimo di 4 mesi.
  • Per l’Eurozona, i nuovi lavori in entrata si sono espansi per la prima volta in 4 mesi, sebbene la domanda proveniente da una crescita limitata all’estero.
  • Il ritmo delle assunzioni è stato il più debole per 5 anni, il che sarebbe comunque preoccupante.
  • A supporto della crescita nel composito è stato registrato un aumento dell’indice delle attività commerciali dei servizi, che è passato da 51,9 a 52,8.

Dagli Stati Uniti

Il settore dei servizi Markit finalizzato e i dati compositi sulle PMI per dicembre sono stati positivi, con i servizi PMI in aumento da 51,6 a 52,8 a dicembre. Una revisione al rialzo da un preliminare di 52,2 ha supportato il sentimento più falco nei confronti delle prospettive economiche degli Stati Uniti fino al 2020.

I Market Movers

Per il DAX: è stata una giornata mista per il settore automobilistico. Continental e Daimler hanno registrato ulteriori perdite, rispettivamente in calo dello 0,70% e dello 0,05%. BMW e Volkswagen hanno in controtendenza, aumentando rispettivamente dello 0,05% e dello 0,52%.

È stata anche una giornata ribassista per le banche. Commerzbank è scivolata del 3,13%, con Deutsche Bank in calo dello 0,99% nel giorno.

Dal CAC, è stata una giornata ribassista per le banche. Credit Agricole e Soc Gen sono diminuite rispettivamente dello 0,99% e dello 0,81%. BNP Paribas ha visto una perdita più modesta dello 0,49% nel corso della giornata.

Per il settore automobilistico francese, è stata anche una giornata mista, con Peugeot in calo dell’1,59%, mentre la Renault ha guadagnato lo 0,32%.

Le scorte delle compagnie aeree hanno continuato a lottare all’inizio della settimana. Sul DAX30, la Deutsche Lufthansa è scesa di un ulteriore 0,93% dopo la scivolata del 6,45% di venerdì. Air France – KLM è diminuito dello 0,93% dopo la caduta del 7,92% di venerdì.

I prezzi del petrolio hanno continuato ad aumentare lunedì nonostante l’avversione al rischio che si è allentata durante il giorno, il che ha fatto ulteriormente pressione sulle scorte delle compagnie aeree.

Il totale della Francia è salito dell’1,45% a seguito di un guadagno dell’1,13% di venerdì.

Sull’indice VIX

Il VIX è sceso dell’1,21% lunedì. Invertendo parzialmente un aumento del 12,43% da venerdì, il VIX ha chiuso la giornata a 13,9.

È stato un giorno misto per il VIX, che ha raggiunto un massimo di 16,4 giorni prima di iniziare a scendere. Uno spostamento dell’attenzione dall’Iran alle prospettive economiche ha portato a un’inversione di tendenza, sostenendo i guadagni per i mercati azionari statunitensi.

La giornata di oggi

Sarà un giorno relativamente tranquillo per il calendario economico dell’Eurozona. Le statistiche chiave includono dati sull’inflazione prelim per l’Eurozona.

Ci aspetteremmo che i numeri abbiano un impatto ridotto sulle major, tuttavia, con la geopolitica e le statistiche statunitensi che potrebbero avere un impatto maggiore.

Dagli Stati Uniti, le PMI non manifatturiere ISM preferite dai mercati per i dati sugli ordini di fabbrica di dicembre e novembre sono in uscita.

Al di fuori dei numeri, aspettiamo che il Medio Oriente continui ad attirare l’attenzione. L’Iran ha aumentato l’arricchimento e gli Stati Uniti stanno suggerendo che i missili balistici sono pronti. Forse una scusa per attacchi aerei strategici che sicuramente vedrebbero le major tornare in rosso…

La buona notizia all’inizio della settimana è che l’Iran non ha ancora dovuto vendicarsi dell’attacco aereo americano. Era il funerale di Soleimani, tuttavia, con poche probabilità che accada fino a quando non viene messo a riposo…

Nel mercato dei futures, al momento della stesura del presente documento, il DAX30 era aumentato di 67 punti, mentre il Dow era aumentato di 36 punti.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: