Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.489,18
    +211,61 (+0,81%)
     
  • Dow Jones

    35.294,76
    +382,20 (+1,09%)
     
  • Nasdaq

    14.897,34
    +73,91 (+0,50%)
     
  • Nikkei 225

    29.068,63
    +517,70 (+1,81%)
     
  • Petrolio

    82,66
    +1,35 (+1,66%)
     
  • BTC-EUR

    52.522,66
    -934,50 (-1,75%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.464,06
    +57,32 (+4,07%)
     
  • Oro

    1.768,10
    -29,80 (-1,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1606
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.471,37
    +33,11 (+0,75%)
     
  • HANG SENG

    25.330,96
    +368,37 (+1,48%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.182,91
    +33,85 (+0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8437
    -0,0041 (-0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0701
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4344
    +0,0001 (+0,01%)
     

Trimestrali in arrivo tra pandemia e post, ecco come prepararsi

·3 minuto per la lettura

Per alcuni siamo già nel post-pandemia eppure è una pura illusione, tuttavia con l’avanzare delle campagne vaccinali le economie riaprono le attività ripristinandone le capacità a livelli pre-pandemia (vedasi cinema e stadi in Italia) e da un punto di vista economico le situazioni venutesi a creare hanno destabilizzato i mercati.

Ora le trimestrali prossime ci diranno come hanno avvertito e assorbito il colpo delle strozzature lungo le catene di fornitura le imprese quotate in borsa. Sapremo come hanno reagito e quali gli effetti sugli introiti dell’impennata delle materie prime e in particolare di gas naturale, petrolio, ferro, rame.

Il timore è la stagflazione, cioè, dopo una impennata dei prezzi rilevante potrebbe seguire una stagnazione dei prezzi. Secondo i dati forniti dal Financialounge il rallentamento sarebbe già in atto e i mercati stanno reagendo in modo contraddittorio, proprio a causa di una situazione complessa.

L’inflazione, almeno negli USA, apparirebbe davvero transitoria come mostrano i dati: inflazione stabile.

Le indicazioni dalle prossime trimestrali

Le prossime trimestrali, indica De Palma, analista di Gam sgr contattato dal Financialounge, forniranno preziose indicazioni su come evolveranno nel prossimo futuro i mercati e in particolare quello azionario.

Il terzo trimestre porterà in dote una più ampia quantità di dati che potrà fornire un quadro già ben strutturato su quello che è stato l’andamento delle imprese quotate in borsa in questo 2021 e fornirà utili indicazioni su quelle che sono state le difficoltà delle imprese.

Si fa notare, infatti, quale sia stato l’impatto sulle imprese:

  • dello shortage dei chip;

  • delle strozzature nelle catene di approvvigionamento;

  • l’effetto dell’elevata risalita dei prezzi delle materie prime.

E ancora più rilevante sarà ascoltare cosa le società hanno da dire sul 2022, quale la loro percezione e che stime di crescita mostrano ai rispettivi azionisti.

Utili che salgono, ma meno

I primi due trimestri del 2021, per effetto delle riaperture, hanno offerto dati di crescita degli utili elevati e fuori media.

Anche per questo terzo trimestre gli analisti si attendono una robusta crescita degli utili, anche se in rallentamento rispetto alla prima parte dell’anno, tuttavia, questo appare fisiologico a nostro avviso.

Secondo Gam sgr, il consenso di mercato sull’indice S&P 500 indica una crescita degli utili nel terzo trimestre del 27% rispetto allo stesso periodo del 2020: non male.

Il problema Cina

La Cina resta un osservato speciale. A Shanghai è stata bloccata la IPO di Lenovo che ha perduto il -17% sul listino di Hong Kong. Modern Land China, altra società immobiliare cinese, risulta essere in difficoltà e anche Xinyuan Real Estate non se la starebbe passando bene.

Evergrande pare che abbia scosso l’immobiliare cinese e che il granellino abbia inceppato gli ingranaggi di tutto il sistema.

La palla passa a Xi Jinping, che dovrà decidere cosa fare perché a repentaglio vi è la crescita dell’intera economia cinese, una economia sempre più esposta nei mercati emergenti (vedasi America Latina, i recenti colloqui con il CARICOM e la presenza in Africa) e in cui molti investitori stranieri hanno investito miliardi su miliardi.

Il rischio sistemico c’è e non va trascurato, infatti la Banca centrale cinese (PBoC) è pronta a iniettare altra liquidità per evitare che si blocchi il credito.

Rallentamento non del tutto negativo

Infine, l’analista di Gam sgr fa notare che il rallentamento potrebbe contribuire a normalizzare l’offerta e ad avere come conseguenza un raffreddamento dei prezzi delle materie prime che porterebbe i mercati finanziari in una condizione di maggiore serenità.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli