Italia markets open in 8 hours 13 minutes
  • Dow Jones

    30.303,17
    -633,83 (-2,05%)
     
  • Nasdaq

    13.270,60
    -355,47 (-2,61%)
     
  • Nikkei 225

    28.635,21
    +89,01 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,2105
    -0,0063 (-0,52%)
     
  • BTC-EUR

    25.069,02
    -1.824,91 (-6,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    615,55
    -24,37 (-3,81%)
     
  • HANG SENG

    29.297,53
    -93,77 (-0,32%)
     
  • S&P 500

    3.750,77
    -98,85 (-2,57%)
     

UBS chiuderà una filiale svizzera su cinque, applicherà tassi negativi

·2 minuto per la lettura
Logo di Ubs presso la filiale di Zurigo

(Reuters) - UBS chiuderà circa un quinto delle sue filiali svizzere questo trimestre e inizierà ad applicare tassi negativi ai clienti che possiedono più di 250.000 franchi svizzeri o euro in contanti da luglio.

La banca ha annunciato tali cambiamanti dopo che la pandemia di coronavirus ha favorito l'online banking e poiché i tassi di interesse costantemente bassi, che ora dovrebbero rimanere più bassi più a lungo, esercitano pressioni sul settore finanziario.

"Sta diventando sempre più chiaro che dovremo fare i conti con tassi di interesse negativi per gli anni a venire. Ecco perché abbiamo deciso di abbassare la soglia per le commissioni di deposito", ha detto ai dipendenti il presidente di UBS Switzerland Axel Lehmann in un memo visto da Reuters.

La banca ha affermato che terrà conto dei mutui e degli investimenti che i clienti hanno avuto con la banca per determinare se applicare la commissione, aumentando la soglia di esenzione fino a 1 milione di franchi per i clienti con tali partecipazioni, ha affermato.

"Alla fine, meno del 5% dei nostri clienti ne risentirà", ha detto Lehmann nel memo confermato da un portavoce della banca.

La nuova commissione annuale dello 0,75% si applica ai saldi di cassa superiori a 250.000 franchi svizzeri e dello 0,6% ai saldi di cassa superiori a 250.000 euro e verrà addebitata a partire da luglio, abbassando la soglia dagli attuali circa 2 milioni di franchi svizzeri. La banca chiuderà anche circa 40 delle sue 239 filiali svizzere entro la fine di marzo, seguendo la strategia della rivale Credit Suisse di favorire la digitalizzazione.La notizia è stata riportata per la prima volta dal quotidiano svizzero NZZ. Le chiusure non si tradurranno in alcun licenziamento "al momento", ha detto Lehmann in una seconda nota, aggiungendo che i dipendenti verranno ridistribuiti in altre filiali o aree ove possibile. Lehmann dovrebbe essere sostituito dall'attuale capo operativo e responsabile EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa)Sabine Keller-Busse il 1 ° febbraio.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Cristina Carlevaro, r.plantera@thomsonreuters.com, +48 58 769 65 79)