Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.435,75
    +218,19 (+0,83%)
     
  • Dow Jones

    33.978,08
    +28,67 (+0,08%)
     
  • Nasdaq

    11.621,71
    +109,30 (+0,95%)
     
  • Nikkei 225

    27.382,56
    +19,81 (+0,07%)
     
  • Petrolio

    79,38
    -1,63 (-2,01%)
     
  • BTC-EUR

    21.267,49
    +11,12 (+0,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    526,66
    +9,65 (+1,87%)
     
  • Oro

    1.927,60
    -2,40 (-0,12%)
     
  • EUR/USD

    1,0874
    -0,0018 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.070,56
    +10,13 (+0,25%)
     
  • HANG SENG

    22.688,90
    +122,12 (+0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.178,01
    +4,03 (+0,10%)
     
  • EUR/GBP

    0,8765
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0002
    -0,0015 (-0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4459
    -0,0044 (-0,31%)
     

Ucraina: infuria la battaglia per Bakhmut e lungo il Dnepr si scavano le trincee

La linea del fronte è rovente a Bakhmut, nell'Ucraina orientale, dove da giorni infuriano pesanti combattimenti. Lo sa bene l'equipe medica ucraina che passa la giornata in giro a raccogliere i feriti e a portarli all'ospedale della città: i viaggi si sono intensificati negli ultimi giorni. Mosca ha rivendicato la conquista di alcuni villaggi vicino a Bakhmut ma la città non cede, nonostante l'impegno della brigata Wagner. La battaglia per Bakmut per i russi è più importante che mai dopo la perdita di Kherson e Kharkiv.

Nel giorno in cui Bruxelles promette una Norimberga per indagare sui crimini di guerra denunciati dagli ucraini e nel giorno in cui la Nato promette aiuti all'Ucraina finché ce ne sarà bisogno. Mosca contrattacca: "La promessa della Nato di continuare a fornire assistenza all'Ucraina per tutto il tempo necessario, formulata proprio così, ci dice solo che il corso verso un'ulteriore escalation del conflitto e la destabilizzazione del continente europeo rimane il compito principale di questa organizzazione occidentale", Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo.

Il generale inverno, il più temibile, è in agguato

Un possibile negoziato per una tregua non è ormai neanche più un argomento sul tavolo. Nella linea del fronte lungo il fiume Dnepr si scavano le trincee in caso i russi vogliano riprendersi i villaggi appena ceduti.

"Possono provarci, ma non ci riusciranno. Noi ci siamo", dice un soldato ucraino.

Nelle trincee ci si ripara dal freddo oltre che dai proiettili: come nel resto del Paese: il generale inverno, il più temibile, è in agguato.