Italia markets close in 2 hours 44 minutes
  • FTSE MIB

    21.763,81
    -324,55 (-1,47%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,02 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • Petrolio

    52,20
    -0,07 (-0,13%)
     
  • BTC-EUR

    28.395,21
    +905,49 (+3,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    693,53
    +16,63 (+2,46%)
     
  • Oro

    1.864,90
    +8,70 (+0,47%)
     
  • EUR/USD

    1,2151
    -0,0024 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.550,91
    -51,50 (-1,43%)
     
  • EUR/GBP

    0,8880
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0774
    +0,0004 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5454
    -0,0044 (-0,29%)
     

UK approva vaccino Oxford-AstraZeneca, a sorpresa

Fabio Carbone
·3 minuto per la lettura

Il Regno Unito ha approvato l’uso in emergenza del vaccino sviluppato dall’Università di Oxford e prodotto dalla AstraZeneca, in cui è pienamente coinvolta anche la Irbm di Pomezia.

La notizia ha in qualche modo spiazzato tutti, ma la fonte è ufficiale lo ha infatti comunicato il Ministero della Salute di sua maestà citando l’Autorità di regolamentazione dei medicinali.

Il Regno Unito ha ordinato 100 milioni di dosi di questo vaccino a copertura di 50 milioni di cittadini britannici.

Secondo quanto riferito dal Segretario alla Salute Matt Hancock, in questo modo si copre l’intera popolazione britannica.

Anche AstraZeneca ha pubblicato un suo comunicato stampa in cui afferma che già oggi 30 dicembre le prime dosi verranno consegnate alle autorità sanitarie britanniche, per consentire la loro somministrazione a partire dai primi giorni del nuovo anno.

Boris Johnson batte tutti?

Boris Johnson ancora una volta brucia i tempi e fa approvare rapidamente anche il suo vaccino. Il messaggio è chiaro, con una curva fuori controllo è necessario intervenire il prima possibile con tutte le armi disponibili e la più efficace è il vaccino.

Tuttavia giusto ieri il vice presidente dell’Ema, l’Autorità di regolamentazione dei farmaci nell’Unione Europea, aveva affermato che per il vaccino di AstraZeneca non vi erano dati sufficienti per giungere a una conclusione sulla sicurezza del vaccino. La società farmaceutica non ha ancora inviato tutti i dati e, inoltre, non ha ancora presentato domanda di autorizzazione per uso condizionale del vaccino.

Ancora una volta Regno Unito e UE compiono scelte differenziate che sembrano marcare sempre più la distanza venuta fuori nel 2016 con il referendum sulla Brexit e ora diventata una realtà definitiva con la firma dell’accordo commerciale UK-UE.

AstraZeneca più economico e gestibile

La Bbc afferma che se il vaccino è stato approvato significa che è sicuro ed efficace. Ma è anche vero che la stessa AstraZeneca aveva pubblicato dati che dimostravano una efficacia non superiore al 70,4%, ma un secondo modello sperimentale aveva mostrato una efficacia addirittura inferiore e pari al 62,1%.

Sempre la Bbc scrive che il vaccino è più economico perché a differenze del vaccino Pfizer-BioNTEch non necessita di essere conservato a -79°C, diminuendo quindi i costi della logistica.

Inoltre viene riferito che la sua produzione è molto più rapida e anche la sua distribuzione sarà altrettanto celere.

Viene però da domandarsi se il Regno Unito, per la fretta di avere un secondo vaccino che la conduca fuori alla situazione di doppia emergenza in cui si trova (gestione post-Brexit e pandemia), non le stia tentando tutte, compreso l’uso di un vaccino che risulta essere nettamente meno efficace degli altri per stessa ammissione di AstraZeneca.

Andamento delle azioni AstraZeneca

Le azioni AstraZeneca (AZN) alla Borsa di Londra dal 24 dicembre ad oggi sono risalite dai 72,25 GBP agli attuali 75,19 GBP. Il guadagno nelle ultime 24 ore è del +0,56%, quindi non un avvio superlativo per il titolo nonostante la notizia dell’approvazione nel Regno Unito.

Staremo a vedere più tardi cosa accadrà al titolo AstraZeneca (AZN) quotato invece al Nasdaq, quando apriranno le borse statunitensi. Qui il titolo vale 49,91 USD e ieri aveva guadagnato l’1,07% anche se il massimo di giornata fatto registrare aveva toccato i 50,66 USD di valore.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: