Italia markets close in 52 minutes
  • FTSE MIB

    21.163,90
    -669,60 (-3,07%)
     
  • Dow Jones

    30.610,21
    -419,10 (-1,35%)
     
  • Nasdaq

    10.934,15
    -243,75 (-2,18%)
     
  • Nikkei 225

    26.393,04
    -411,56 (-1,54%)
     
  • Petrolio

    106,54
    -3,24 (-2,95%)
     
  • BTC-EUR

    18.264,71
    -1.160,81 (-5,98%)
     
  • CMC Crypto 200

    407,20
    -24,27 (-5,62%)
     
  • Oro

    1.814,30
    -3,20 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,0424
    -0,0020 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    3.759,59
    -59,24 (-1,55%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.423,28
    -91,04 (-2,59%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0037 (-0,43%)
     
  • EUR/CHF

    0,9962
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,3461
    +0,0002 (+0,02%)
     

Un solo gestore fondi può causare sell-off da €8 miliardi?

Un solo gestore fondi può causare sell-off da €8 miliardi?
Un solo gestore fondi può causare sell-off da €8 miliardi?


Un singolo gestore di portafoglio presso Capital Group quest'anno ha causato un sell-off di titoli bancari europei per 8 miliardi di euro a seguito della crisi ucraina e dei timori di recessione globale, come riporta il Financial Times.

Fino a poco tempo fa Capital era stato uno dei pochi investitori attivi a sostenere i titoli delle banche europee; queste infatti erano state segnate da un decennio di redditività depressa, scandali di cattiva condotta e perdite di quote di mercato durante la ristrutturazione successiva alla Crisi Finanziaria del 2008-2009.

Capital Group aveva accumulato grandi partecipazioni (spesso tra le prime cinque del fondo) in diversi istituti di credito, tra cui Barclays PLC (NYSE:BCS), Deutsche Bank (NYSE:DB), Commerzbank AG (OTC:CRZBY), Société Générale (OTC:SCGLY), UniCredit, Santander, BNP Paribas (OTC:BNPZY) e UBS Group AG (NYSE:UBS).

Il calo, rispettivamente, del 20% e del 14% registrato dagli indici di riferimento delle banche europee Stoxx e FTSE aveva riportato negli investitori la convinzione che le banche europee fossero intrinsecamente sottovalutate.

Il gestore di portafoglio Nick Grace aveva ottenuto buoni rendimenti con la ripresa dell'economia globale dallo shock iniziale del COVID-19; le banche centrali hanno poi iniziato ad alzare i tassi in modo significativo per la prima volta in un decennio.

Grace ha scommesso sul fatto che gli istituti di credito europei fossero sottovalutati e che scambiassero con uno sconto ingiustamente elevato rispetto al valore contabile dei loro asset, e che fossero pronti a generare miliardi di profitti in più con l’aumento dei tassi di interesse, migliorando i margini sui prestiti.

Grace e altri manager speravano che l’atteso consolidamento nel settore bancario avrebbe generato valore attraverso fusioni transfrontaliere e nazionali.

Ma le preoccupazioni per l'aumento dell'inflazione e il calo della crescita scatenato dall'invasione russa dell'Ucraina hanno spinto Grace e alcuni dei suoi colleghi manager presso Capital a vendere azioni di quelle banche per 8,1 miliardi di euro.

Tieniti aggiornato su tutte le ultime notizie e le idee di trading seguendo Benzinga Italia su Twitter.

Continua a leggere su Benzinga Italia

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli