Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.316,32
    +825,43 (+2,80%)
     
  • Nasdaq

    11.176,41
    +360,97 (+3,34%)
     
  • Nikkei 225

    26.992,21
    +776,42 (+2,96%)
     
  • EUR/USD

    0,9995
    +0,0168 (+1,71%)
     
  • BTC-EUR

    20.289,13
    +605,30 (+3,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    458,89
    +13,45 (+3,02%)
     
  • HANG SENG

    17.079,51
    -143,32 (-0,83%)
     
  • S&P 500

    3.790,93
    +112,50 (+3,06%)
     

Usa e Taiwan avvieranno colloqui commerciali formali in autunno

Un manifestante con una bandiera di Taiwan e degli Stati Uniti a Burlingame, in California, Usa

TAIPEI (Reuters) - Stati Uniti e Taiwan hanno concordato di avviare colloqui di natura commerciale nell'ambito di una nuova iniziativa volta a raggiungere accordi con "risultati economicamente significativi".

Un funzionario taiwanese ha detto che si discuterà anche della "coercizione economica" della Cina.

Washington e Taipei hanno presentato l'Iniziativa USA-Taiwan sul commercio del XXI secolo a giugno, pochi giorni dopo che l'amministrazione Biden aveva escluso l'isola rivendicata dalla Cina dal proprio piano economico incentrato sull'Asia e volto a contrastare la crescente influenza della Cina.

L'ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti ha detto che le due parti hanno "raggiunto un consenso sul mandato negoziale" e si prevede che il primo ciclo di colloqui avrà luogo all'inizio dell'autunno.

"Intendiamo perseguire un programma ambizioso per raggiungere impegni di alto livello e risultati significativi che coprano le undici aree commerciali del mandato negoziale e che contribuiscano a costruire un'economia del XXI secolo più equa, prospera e resistente", ha detto in un comunicato la vice rappresentante per il commercio degli Stati Uniti Sarah Bianchi.

Il principale negoziatore commerciale di Taiwan, John Deng, ha detto ai giornalisti a Taipei che spera che i colloqui possano iniziare il mese prossimo e che questo possa un giorno portare all'accordo di libero scambio con gli Stati Uniti che l'isola cerca da tempo.

Il mandato negoziale pubblicato insieme all'annuncio afferma che gli Stati Uniti e Taiwan hanno stabilito un'agenda solida per i colloqui su questioni come la facilitazione del commercio, le buone pratiche normative e la rimozione delle barriere discriminatorie al commercio.

Il mandato prevede che l'inizio dei colloqui formali sia finalizzato al raggiungimento di accordi con "impegni di alto livello e risultati economicamente significativi".

Deng ha detto che uno dei temi di discussione sarà la coercizione economica della Cina, un riferimento alle azioni che Pechino intraprende per bloccare il commercio con i paesi con cui insorgano dispute, come avvenuto di recente quando la Lituania ha permesso a Taiwan di aprire un ufficio di rappresentanza diplomatica, un'ambasciata de facto, a Vilnius.

"I suoi obiettivi di coercizione economica non sono solo gli Stati Uniti o Taiwan, ma anche molti altri paesi. Il danno all'ordine economico e commerciale globale è grande", ha aggiunto.

Nonostante la mancanza di legami diplomatici formali, Washington ha voluto rafforzare il sostegno a Taiwan, che di recente ha visto crescere le pressioni politiche della Repubblica Popolare, che puntano a far riconoscere a Taipei le rivendicazioni di sovranità sull'isola portate avanti da Pechino.

La Cina ha detto di opporsi "fermamente" alla nuova iniziativa commerciale Taiwan-USA.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Stefano Bernabei)