Italia markets open in 1 hour 1 minute
  • Dow Jones

    34.086,04
    +368,95 (+1,09%)
     
  • Nasdaq

    11.584,55
    +190,74 (+1,67%)
     
  • Nikkei 225

    27.346,88
    +19,77 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,0872
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    21.234,74
    +62,96 (+0,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    524,33
    +5,54 (+1,07%)
     
  • HANG SENG

    21.997,71
    +155,38 (+0,71%)
     
  • S&P 500

    4.076,60
    +58,83 (+1,46%)
     

Usa, solida crescita posti di lavoro a dicembre, tasso disoccupazione al 3,5%

Una persona davanti a una bacheca di annunci a Cambridge

WASHINGTON (Reuters) - L'economia statunitense ha mantenuto un forte ritmo di crescita dei posti di lavoro nel mese di dicembre, con un tasso di disoccupazione sceso al 3,5%, anche se l'aumento dei tassi d'interesse, dovuto alla lotta all'inflazione da parte della Federal Reserve, potrebbe far rallentare significativamente lo slancio del mercato del lavoro entro la metà dell'anno.

Gli occupati non agricoli sono aumentati di 223.000 unità il mese scorso, si legge nel rapporto sull'occupazione del Dipartimento del Lavoro. I dati relativi al mese di novembre sono stati rivisti al ribasso, con l'aggiunta di 256.000 posti di lavoro invece dei 263.000 precedentemente riferiti.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto un aumento di 200.000 posti di lavoro, con stime comprese tra 130.000 e 350.000 unità. La crescita mensile dei posti di lavoro è ben al di sopra del ritmo necessario per tenere il passo con la crescita della popolazione in età lavorativa.

Il tasso di disoccupazione è sceso al 3,5% dal 3,6% di novembre. Il governo ha rivisto i dati destagionalizzati dell'indagine sulle famiglie, da cui deriva il tasso di disoccupazione, per gli ultimi cinque anni.

La retribuzione oraria media è aumentata dello 0,3% dopo lo 0,4% del mese precedente. Ciò ha abbassato l'aumento dei salari su base annua al 4,6% dal 4,8% di novembre. I dati governativi di questa settimana hanno mostrato che alla fine di novembre c'erano 10,5 milioni di aperture di posti di posti di lavoro, una misura della domanda di lavoro, che si traduce in 1,74 posti di lavoro per ogni disoccupato.

Il mercato del lavoro è rimasto forte, nonostante la Fed abbia avviato lo scorso marzo il più rapido rialzo dei tassi d'interesse dagli anni '80.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Andrea Mandalà)