I mercati italiani aprono fra 3 ore 13 min

I verbali della riunione del FOMC pesano sul dollaro con l’attenzione rivolta verso Draghi e l’EUR

Bob Mason
Oggi, in precedenza: I dati economici durante la sessione asiatica sono stati limitati ai dati australiani sui nuovi mutui del mese di agosto, il che è stato positivo per il dollaro australiano, un aumento del 1% dei nuovi mutui contro un aumento previsto del 0,5%. Il Dollaro Aussie ha mostrato scarse reazioni ai dati, con … Continue reading I verbali della riunione del FOMC pesano sul dollaro con l’attenzione rivolta verso Draghi e l’EUR

Oggi, in precedenza:

I dati economici durante la sessione asiatica sono stati limitati ai dati australiani sui nuovi mutui del mese di agosto, il che è stato positivo per il dollaro australiano, un aumento del 1% dei nuovi mutui contro un aumento previsto del 0,5%.

Il Dollaro Aussie ha mostrato scarse reazioni ai dati, con i dati chiave a guidarlo durante la sessione asiatica, i verbali della riunione della FOMC pubblicati tardi durante la sessione statunitense.

Un FOMC diviso pesava fortemente sul dollaro, i membri apparentemente divisi tra coloro che cercavano un aumento del tasso nel mese di dicembre sulle preoccupazioni di un possibile surriscaldamento, e quelli che cercano indicatori economici positivi tra oggi e la riunione del FOMC di dicembre prima di prendere una decisione e le colombe, forti per la necessità di un ritiro nell’inflazione verso l’obbiettivo della FED del 2% prima di voler fare una mossa.

Al contrario, mentre il dollaro è rimasto sotto pressione durante la sessione asiatica, i dati economici degli Stati Uniti in ritardo sono stati particolarmente positivi e se gli indicatori continuano a sostenere una forte fine dell’anno, il Comitato sarà probabilmente diviso, anche se gli effetti degli uragani Harvey e Irma potrebbero entrare in gioco nelle prossime settimane.

Le speranze delle banche centrali per un dollaro americano più forte sono state interrotte per ora, con il Dollaro australiano in rialzo del 0.36% a $ 0.7816 al momento della scrittura e il Kiwi Dollar in rialzo dello 0.47% a 0.7114$, i guadagni del dollaro Kiwi nonostante i mercati in attesa dell’annuncio del leader del partito NZ First, Peters che sta cercando di formare una coalizione. È la quinta e ultima giornata di colloqui e un annuncio è previsto entro la fine della settimana, una coalizione National-NZ First che potrebbe vedere il dollaro Kiwi rimbalzare di nuovo ai livelli di 0,72 dollari, concentrandosi così alle prospettive monetarie politica, la RBNZ che recentemente è diventata colomba.

I guadagni dello Yen sono tuttavia più mutevoli, con lo Yen in rialzo del 0,20% a 112,28¥ contro il dollaro, l’appetito per le azioni asiatiche è in aumento durante la sessione con dietro dei verbali del FOMC più accomodanti.

Per il resto della giornata:

Oggi, sul calendario economico vi sono pochi dati durante la sessione europea, con le statistiche dell’Eurozona limitate ai dati d’inflazione del mese di settembre dalla Francia e dai dati di produzione industriale di agosto dell’Eurozona.

A seguito dei dati sulla produzione tedesca di lunedì, che sono aumentate del 2,6% in agosto, le aspettative sono che i numeri dell’euro zona siano positivi per l’EUR, anche se i mercati avranno anche il presidente della BCE Draghi a prendere in considerazione questo pomeriggio. Il rimbalzo dell’EUR a seguito dei verbali della riunione del FOMC ha visto che l’EUR raggiunge i livelli di 1,18 dollari, con maggiori guadagni probabili perché i dati economici dell’Eurozona continuano a impressionare.

Per la Sterlina, le statistiche sono state limitate ai numeri di bilancio dei prezzi RICS House di agosto, che hanno riportato un innalzamento dei prezzi delle case, anche se i mercati hanno mostrato scarsa risposta a questi dati, con la sterlina che ha trovato supporto nella prima metà della settimana sulla speranza che il Primo Ministro britannico sia riuscito a evitare una ribellione del Partito Tory sulla Brexit.

Mentre non vi sono statistiche rilevanti, il membro del Comitato di politica monetaria della BoE Haldane dovrebbe intervenire questo pomeriggio. A seguito del rilascio dei dati sulla produzione commerciale e industriale e della produzione manifatturiera di inizio settimana, il sentimento verso la politica monetaria BoE rimane misto, lasciando la porta a Haldane per influenzare il sentimento del mercato verso una possibile aumento di tasso prima della fine dell’anno.

Un rialzo della sterlina faciliterà alcune pressioni inflazionistiche, anche se è improbabile che sia sufficiente per riportare l’inflazione al di sotto dell’obbiettivo della BoE del 2% in qualsiasi momento.

Oltreoceano, le statistiche sono limitate ai dati sui sussidi di disoccupazione settimanali e agli indici di prezzo del produttore di settembre, mentre i mercati hanno anche bisogno di prendere in considerazione i membri di voto del Fomc Brainard e Powell, che dovrebbero intervenire questo pomeriggio, anche se dovranno essere particolarmente falco per far reagire i mercati.

La Sterlina era aumentata del 0,26% a 1,3258 dollari al momento della scrittura, con EUR in ralzo del 0,12% a 0,1878 dollari, mentre l’indice Dollar Spot era in ribasso dello 0,18% a 92,852.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: