Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.435,75
    +218,19 (+0,83%)
     
  • Dow Jones

    33.978,08
    +28,67 (+0,08%)
     
  • Nasdaq

    11.621,71
    +109,30 (+0,95%)
     
  • Nikkei 225

    27.382,56
    +19,81 (+0,07%)
     
  • Petrolio

    79,38
    -1,63 (-2,01%)
     
  • BTC-EUR

    21.247,36
    +18,83 (+0,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    526,66
    +9,65 (+1,87%)
     
  • Oro

    1.927,60
    -2,40 (-0,12%)
     
  • EUR/USD

    1,0874
    -0,0018 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.070,56
    +10,13 (+0,25%)
     
  • HANG SENG

    22.688,90
    +122,12 (+0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.178,01
    +4,03 (+0,10%)
     
  • EUR/GBP

    0,8765
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0002
    -0,0015 (-0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4459
    -0,0044 (-0,31%)
     

Volkswagen rinvia decisione su gigafactory in Europa orientale

Il logo Volkswagen al Salone internazionale dell'Automobile a New York

PRAGA/FRANCOFORTE (Reuters) - Volkswagen AG ha rimandato la decisione sulla scelta del luogo in cui costruire una gigafactory per le batterie delle auto elettriche in Europa orientale a dopo il 2022, a causa dell'incertezza economica e dei prezzi elevati dell'energia nella regione.

"Volkswagen AG e la società di batterie PowerCo fanno continue valutazioni rispetto ai siti adatti per la loro prossima gigafactory in Europa", ha reso noto ieri la casa automobilistica via e-mail.

"Non c'è alcuna pressione ad agire perché ci prendiamo ancora un po' di tempo per decidere alla luce delle circostanze attuali", ha precisato. "Al momento non c'è alcun impatto sull'inizio previsto per la costruzione o l'avvio della produzione".

L'Unione europea teme un esodo di investimenti verso gli Stati Uniti a seguito dell'introduzione di generosi sussidi a favore dell'energia rinnovabile offerti alle aziende nell'ambito dell'Inflation Reduction Act, proprio mentre in Europa i prezzi dell'energia toccano livelli record e la fornitura per il prossimo anno risulta ancora incerta.

La svedese Northvolt ha comunicato ad ottobre che potrebbe dare priorità all'espansione degli impianti di batterie negli Stati Uniti piuttosto che in Europa, considerato il contesto energetico europeo.

In un'intervista rilasciata martedì, il responsabile del marchio Volkswagen, Thomas Schaefer, ha spiegato che i prezzi dell'energia in Europa rendono difficile giustificare agli azionisti il motivo per cui la casa automobilistica dovrebbe stabilirvi un impianto di batterie.

"Se si ha la possibilità di costruire un impianto di batterie in Europa, dove l'elettricità costa 15 centesimi per kilowattora, ma si può ottenere in Cina o in America per 2-3 centesimi, non siamo nella posizione di dire, in base alla normativa sulle società per azioni, che lo faremo qui per solidarietà", ha detto Schaefer.

"Si tratta di un argomento delicato e spesso si sottovaluta quanto sia complesso agire in questo senso", ha aggiunto Schaefer.

L'impianto dell'Europa orientale sarebbe il quarto nell'ambito di un piano dell'ex Ceo Herbert Diess che prevede la costruzione, entro la fine del decennio, di sei stabilimenti di questo tipo con partner in tutta Europa.

Tra le località prese in considerazione ci sono Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia e Slovacchia.

Skoda Auto, la divisione ceca di Volkswagen, ha detto ad ottobre di aspettarsi una decisione sulla sede scelta dalla casa madre entro la fine del 2022.

Tuttavia, il nuovo Ceo di Volkswagen, Oliver Blume, sta riesaminando gran parte dell'eredità del suo predecessore, rivedendo la strategia software dell'azienda e rivalutando quali stabilimenti producono gli specifici modelli.

L'azienda ha iniziato a ricercare la sede in cui stabilire la propria prima gigafactory al di fuori dell'Europa, in Canada.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Stefano Bernabei)