Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    27.436,10
    +2.378,67 (+9,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    660,14
    +50,14 (+8,22%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8892
    +0,0033 (+0,37%)
     
  • EUR/CHF

    1,0770
    +0,0005 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,5499
    +0,0123 (+0,80%)
     

Zona euro, confermato calo inflazione a novembre per quarto mese consecutivo

·2 minuto per la lettura
Bandiere dell'Unione europea davanti alla sede della Banca centrale europea

BRUXELLES (Reuters) - L'inflazione annuale per la zona euro di novembre è negativa per il quarto mese consecutivo e registra inoltre i minimi di quattro anni, con i prezzi dell'energia in calo dell'8% rispetto all'anno precedente.

È quanto emerge dai dati finali diffusi oggi da Eurostat.

L'inflazione nei 19 Paesi della zona euro è in calo dello 0,3% sia su mese che su anno, stessa flessione in termini tendenziali registrata a settembre e ottobre e in linea con le stime preliminari pubblicate a inizio mese.

Alimenti, alcol e tabacco hanno contribuito per 0,36 punti percentuali, secondo Eurostat, al risultato finale mentre i servizi per 0,25. Tuttavia, la flessione annua dell'8,3% dei prezzi dell'energia ha sottratto 0,82 punti percentuali dalla rilevazione finale.

Anche i beni industriali non energetici hanno ridotto l'inflazione su base annua di 0,07 punti.

Al netto dei prezzi volatili di prodotti alimentari ed energia -- quella che la Banca centrale europea definisce inflazione "core" -- i prezzi sono scesi dello 0,4% su mese e aumentati dello 0,4% su anno.

Una misura ancora più specifica, che esclude i prezzi di alcol e tabacco, mostra un calo mensile dello 0,5% e un aumento dello 0,2% su anno.

La Bce punta a mantenere l'inflazione al di sotto ma vicina al 2% nel medio termine.

In tutta la zona euro, la dinamica più vivace dei prezzi al consumo più alti è stata rilevata in Austria (+1,1%). Le contrazioni più marcate sono state invece registrate in Grecia (-2,1%), Estonia (-1,2%), Slovenia e Cipro (per entrambe un decremento dell'1,1%).

In Germania e in Italia, rispettivamente la prima e la terza economia del blocco, l'inflazione è negativa. In Francia, seconda economia, è aumentata appena dello 0,2%.

Comunicato Eurostat:

http://ec.europa.eu/eurostat/news/news-releases

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)