Italia markets close in 1 hour 41 minutes
  • FTSE MIB

    24.611,15
    -10,57 (-0,04%)
     
  • Dow Jones

    34.179,71
    -250,17 (-0,73%)
     
  • Nasdaq

    11.404,26
    -57,24 (-0,50%)
     
  • Nikkei 225

    27.820,40
    +42,50 (+0,15%)
     
  • Petrolio

    82,41
    +2,43 (+3,04%)
     
  • BTC-EUR

    16.303,31
    +126,68 (+0,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    408,01
    -3,21 (-0,78%)
     
  • Oro

    1.802,00
    -7,60 (-0,42%)
     
  • EUR/USD

    1,0556
    +0,0026 (+0,24%)
     
  • S&P 500

    4.042,15
    -29,55 (-0,73%)
     
  • HANG SENG

    19.518,29
    +842,94 (+4,51%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.959,82
    -18,08 (-0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8614
    +0,0041 (+0,48%)
     
  • EUR/CHF

    0,9902
    +0,0035 (+0,35%)
     
  • EUR/CAD

    1,4182
    -0,0003 (-0,02%)
     

Zona euro, divario commerciale inferiore al previsto, deficit con Russia in aumento

Bandiere dell'Unione europea a Bruxelles

BRUXELLES (Reuters) - La zona euro ha registrato un forte deficit commerciale a settembre, rispetto a un lieve surplus dell'anno precedente, a causa dell'aumento dei costi delle importazioni di energia in seguito all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, ma il deficit è stato più contenuto del previsto, secondo i dati pubblicati oggi.

L'Eurostat ha comunicato che il deficit commerciale non destagionalizzato dei 19 Paesi della zona euro con il resto del mondo è stato di 34,4 miliardi di euro a settembre, contro un avanzo di 6,7 miliardi di dollari di un anno prima.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto un deficit di 44,5 miliardi di euro a settembre.

Su base destagionalizzata, il divario commerciale è stato anche leggermente superiore, a 37,7 miliardi di euro, seppure in calo rispetto ai 47,6 miliardi di euro di agosto e ai 40,5 miliardi di euro di luglio.

Non sono disponibili dati dettagliati per la zona euro, ma il deficit commerciale dell'Unione europea con la Russia, principale fornitore di energia dell'Europa, è salito a 125,7 miliardi di euro nei primi nove mesi dell'anno, rispetto ai 44,3 miliardi di euro dello stesso periodo del 2021. Nei primi otto mesi di quest'anno, il deficit con la Russia è stato di 115,0 miliardi di euro.

Il divario commerciale con la Norvegia, altro Paese produttore di energia, che l'Ue ha preso in considerazione come fornitore di energia in sostituzione della Russia, ha registrato un aumento ancora più significativo, passando a 70,8 miliardi di euro nei nove mesi da soli 4,4 miliardi di euro dell'anno precedente.

Il deficit dell'Ue nel commercio di energia è salito a 491,4 miliardi nei primi nove mesi di quest'anno da 179,6 miliardi nello stesso periodo del 2021.

Il divario commerciale con la Cina, il principale partner commerciale dell'Europa, è quasi raddoppiato a 300,2 miliardi di euro nel periodo gennaio-settembre da 166,5 miliardi di euro nello stesso periodo dell'anno precedente.

L'Ue ha registrato surplus commerciali con gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Svizzera, e nel complesso per i prodotti alimentari, le bevande e l'industria manifatturiera.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Stefano Bernabei)