Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,85 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,22
    -0,28 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    43.098,29
    -4.488,08 (-9,43%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.782,10
    +21,40 (+1,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1317
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    +0,0056 (+0,66%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4528
    +0,0056 (+0,39%)
     

Zona euro, economic sentiment in rialzo a ottobre, crescono attese inflazione

·1 minuto per la lettura
Banconota da 20 euro

BRUXELLES (Reuters) - L'economic sentiment nella zona euro è migliorato a ottobre per il secondo mese consecutivo, avvicinandosi ai massimi storici di luglio e spingendo le aspettative dei consumatori e dei produttori per l'inflazione a nuovi record.

I dati della Commissione europea sull'economic sentiment hanno mostrato un aumento ad ottobre a 118,6 da 117,8 a settembre, poco distante dai massimi storici di luglio a 119,0.

L'esecutivo Ue ha notato un miglioramento marginale del sentiment nel settore manifatturiero a 14,2 da 14,1, mentre il settore dei servizi, che contribuisce a due terzi del Pil della zona euro, ha visto un'impennata a 18,2 da 15,2 a settembre.

Sugli scudi anche il settore retail e il settore delle costruzioni, anche se l'ottimismo tra i consumatori è calato a -4,8 da -4,0.

A ottobre le aspettative dei consumatori per l'inflazione sono aumentate a 40,0, ai massimi dall'inizio della rilevazione nel 2000 e in rialzo da 33,1 a settembre.

Le aspettative per i prezzi di vendita tra i produttori hanno toccato un nuovo record, avanzando a 42,2 da 38,3 a settembre. Tipicamente, prezzi alla produzione più elevati si traducono in un'inflazione dei prezzi al consumo con un ritardo di un paio di mesi.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in redazione a Roma Stefano Bernabei, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli