Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.565,41
    -317,06 (-1,18%)
     
  • Dow Jones

    34.725,47
    +564,69 (+1,65%)
     
  • Nasdaq

    13.770,57
    +417,79 (+3,13%)
     
  • Nikkei 225

    26.717,34
    +547,04 (+2,09%)
     
  • Petrolio

    87,35
    +0,74 (+0,85%)
     
  • BTC-EUR

    33.953,18
    +1.236,93 (+3,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    863,83
    +21,37 (+2,54%)
     
  • Oro

    1.791,70
    -3,30 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,1150
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.431,85
    +105,34 (+2,43%)
     
  • HANG SENG

    23.550,08
    -256,92 (-1,08%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.136,91
    -48,06 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8320
    -0,0008 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0373
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4233
    +0,0045 (+0,32%)
     

Zona euro, governi devono continuare a sostenere economia, inflazione è temporanea - Fmi

·1 minuto per la lettura
FILE PHOTO: The IMF logo is seen outside the headquarters building in Washington

BRUXELLES (Reuters) - I governi della zona euro dovrebbero continuare a investire per supportare la ripresa economica dal Covid-19, ma in un modo sempre più mirato, e consolidare le finanze pubbliche solo quando la ripresa sarà ormai avviata, secondo il Fondo monetario internazionale.

In un report periodico sull'economia della zona euro presentato ai ministri delle Finanze del gruppo, il Fmi ha fatto notare che benché il consolidamento delle finanze pubbliche possa aspettare, un piano credibile di come portarlo avanti in futuro dovrebbe essere annunciato già ora.

"Le politiche dovrebbero rimanere accomodanti ma essere sempre più mirate, facendo attenzione a mitigare potenziali crescite in ineguaglianza e povertà", ha detto il Fmi.

"Lo spazio delle politiche fiscali potrebbe essere ricostruito una volta che l'espansione economica sarà fermamente avviata, ma piani di consolidamento a medio termine dovrebbero essere annunciati già adesso", secondo il Fmi.

Il Fondo ha fatto notare che la crescita dell'inflazione, che ha toccato un massimo record del 4,9% su base annua a novembre, è temporanea e, dunque, non una grande minaccia perché non si è tradotta in un picco dei salari, noto come effetto di secondo impatto.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli