Italia markets open in 7 hours 44 minutes
  • Dow Jones

    27.463,19
    -222,19 (-0,80%)
     
  • Nasdaq

    11.431,35
    +72,41 (+0,64%)
     
  • Nikkei 225

    23.485,80
    0,00 (0,00%)
     
  • EUR/USD

    1,1777
    -0,0012 (-0,11%)
     
  • BTC-EUR

    11.601,86
    +42,15 (+0,36%)
     
  • CMC Crypto 200

    270,38
    +9,09 (+3,48%)
     
  • HANG SENG

    24.787,19
    -131,59 (-0,53%)
     
  • S&P 500

    3.390,68
    -10,29 (-0,30%)
     

Zona euro, prezzi al consumo settembre nuovamente in calo, minimo da 4 anni

·1 minuto per la lettura

BRUXELLES (Reuters) - I prezzi al consumo della zona euro sono scesi ai minimi di oltre quattro anni, avanzando ulteriormente in territorio negativo. La rilevazione di settembre si attesta a livelli inferiori alle stime, alimentando i timori di una spirale deflazionistica legata alla pandemia di Covid-19.

I prezzi al consumo nei 19 Paesi della zona euro a settembre sono diminuiti dello 0,3% su base annuale, rilevando anche un aumento dello 0,1% su base mensile. Lo mostrano le stime preliminari pubblicate oggi da Eurostat.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto una contrazione dello 0,2% su base annua. Il calo è il peggiore rilevato da aprile 2016, quando i prezzi al consumo calarono sempre dello 0,3%.

I prezzi dell'energia sono diminuiti dell'8,2% a settembre, dopo aver visto un calo del 7,8% ad agosto. Calano anche i prezzi dei beni industriali non energetici, in ribasso dello 0,3% dopo una contrazione dello 0,1% ad agosto.

Escludendo le componenti volatili di prodotti alimentari ed energia - una misura definita dalla Banca Centrale Europea come inflazione 'core' - i prezzi aumentano dello 0,4% su base annuale.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto un aumento dello 0,8% su base annuale.

Un indicatore di inflazione ancora più ristretto che esclude anche i prezzi di alcol e tabacco, monitorato da molti economisti, mostra un aumento dello 0,2% su base annuale, meno della metà rispetto alle previsioni degli analisti.

La Bce ha l'obiettivo di mantenere l'inflazione inferiore, ma intorno al 2% nel medio termine.