Italia markets close in 43 minutes
  • FTSE MIB

    24.385,76
    +224,38 (+0,93%)
     
  • Dow Jones

    34.032,91
    -104,40 (-0,31%)
     
  • Nasdaq

    13.979,92
    +29,70 (+0,21%)
     
  • Nikkei 225

    29.188,17
    +679,62 (+2,38%)
     
  • Petrolio

    60,98
    -0,37 (-0,60%)
     
  • BTC-EUR

    45.516,87
    -1.081,89 (-2,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.278,78
    +35,72 (+2,87%)
     
  • Oro

    1.785,90
    -7,20 (-0,40%)
     
  • EUR/USD

    1,2018
    -0,0022 (-0,18%)
     
  • S&P 500

    4.170,60
    -2,82 (-0,07%)
     
  • HANG SENG

    28.755,34
    +133,42 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.015,15
    +38,74 (+0,97%)
     
  • EUR/GBP

    0,8682
    +0,0043 (+0,50%)
     
  • EUR/CHF

    1,1030
    -0,0000 (-0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,5028
    -0,0013 (-0,08%)
     

Zona euro, produzione industriale gennaio molto sopra attese

·1 minuto per la lettura
Statua che rappresenta il simbolo dell'Euro presso la sede della Banca centrale europea (Bce) a Francoforte

BRUXELLES (Reuters) - La produzione industriale della zona euro ha mostrato un andamento molto più brillante del previsto a gennaio, e la produzione di dicembre è stata a sua volta rivista nettamente al rialzo, secondo l’ufficio statistico Ue.

Eurostat ha comunicato che la produzione industriale nei 19 paesi della zona euro è cresciuta a gennaio dello 0,8% su base mensile e dello 0,1% su base annua, oltre le aspettative del mercato di un +0,2% su base mensile e -2,4% su base annua.

Eurostat ha anche rivisto al rialzo i numeri della produzione di dicembre, a -0,1% su base mensile rispetto al -1.6% precedentemente riportato, e al -0,2% da -0,8% su base annua.

La produzione mensile sopra le aspettative coinvolge tutte le categorie, con i guadagni maggiori nel settore dei beni di consumo, con una crescita dello 0,8%, seguito dai beni non durevoli che sono cresciuti dello 0,6% e dai beni capitale e dall’energia, entrambi in rialzo dello 0,4%.

Comunque, Eurostat ha reso noto il 9 marzo che l’economia della zona euro si è contratta più di quanto ci si attendesse in precedenza nell’ultimo trimestre del 2020 rispetto al trimestre precedente, con i consumi delle famiglie in forte calo a causa dei lockdown dovuti al Covid-19.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Roma Stefano Bernabei, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)