Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.198,85
    -14,34 (-0,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.811,40
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Pensioni più “ricche” da gennaio 2023. Ecco di quanto aumenteranno

Negli ultimi mesi del 2022 l’inflazione influisce notevolmente sul caro vita, soprattutto per quanto riguarda i generi alimentari e l’energia.

Se lo stipendio dei lavoratori pubblici e privati può essere rivisto solo con un rinnovo contrattuale, gli assegni dei pensionati subiscono, a norma di legge, variazioni automatiche soggette all’indice dei prezzi dettato dall’INPS.

Il ministro dell’Economia e delle finanze, Giancarlo Giorgetti, firma il decreto per l’adeguamento delle pensioni pari a +7.3% da gennaio 2023.

Gli aumenti sono proporzionati alle cifre percepite con l’assegno mensile.

Ecco alcuni esempi.