Italia markets close in 4 hours 8 minutes
  • FTSE MIB

    22.681,21
    +30,43 (+0,13%)
     
  • Dow Jones

    31.188,38
    +257,86 (+0,83%)
     
  • Nasdaq

    13.457,25
    +260,07 (+1,97%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    +233,60 (+0,82%)
     
  • Petrolio

    52,99
    -0,32 (-0,60%)
     
  • BTC-EUR

    26.134,94
    -1.519,17 (-5,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    625,33
    -75,28 (-10,74%)
     
  • Oro

    1.870,60
    +4,10 (+0,22%)
     
  • EUR/USD

    1,2154
    +0,0038 (+0,32%)
     
  • S&P 500

    3.851,85
    +52,94 (+1,39%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,71 (-0,12%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.641,21
    +17,17 (+0,47%)
     
  • EUR/GBP

    0,8849
    -0,0017 (-0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0768
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,5329
    +0,0039 (+0,26%)
     

Scandalo test, dopo Mitsubishi tocca a Suzuki

Il gruppo Suzuki ha ammesso di avere usato metodi non conformi alle norme nazionali per i test sulle emissioni di circa 2 milioni di auto vendute nel Paese. Ma a differenza di Mitsubishi ha smentito di averlo fatto per migliorare i risultati. Osamu Suzuki, il presidente ha detto: “Ci scusiamo per non avere aderito alle regolamentazioni esistenti sui test sui consumi”. In casa Mitsubishi lo scandalo sulla manipolazione dei test ha indotto alle dimissioni questo mercoledì il patron del gruppo Testuro Aikawa. È inoltre emerso che le manipolazioni di dati hanno riguardato anche altri modelli e non solo i miniveicoli 4×4 ibridi Outlander PHEV, come indicato all’inizio.