Alibaba, ceo 48enne fa passo indietro: Largo a giovani, futuro è loro

Pechino (Cina), 15 gen. (LaPresse/AP) - Passo indietro del ceo e co-fondatore del sito di e-commerce Alibaba, Jack Ma, che ha annunciato le sue dimissioni dalla carica anche se manterrà quella di presidente. In una lettera ai dipendenti Ma ha fatto sapere che lascerà la posizione il 10 maggio, ma terrà per sè alcune deleghe come presidente esecutivo. L'imprenditore cinese non ha specificato il nome del suo successore. Secondo il 48enne numero uno del gruppo, una società che lavora su internet ha bisogno di un ceo ancora più giovane. La scelta aziendale sarebbe quella di un complessivo cambio della guardia della generazione nata negli anni '60 a favore di sostituti nati nei decenni successivi. "Non voglio farla facile - ha spiegato Ma nella lettera - ma vedo che i giovani che sono in Alibaba sono migliori, più brillanti anche dei miei, e sono più in grado di costruire il futuro che appartiene a loro". I servizi business-to-business di Alibaba e le piattaforme orientate ai consumatori Taobao e Tmall, che appartengono allo stesso gruppo, sono tra i punti vendita web più trafficati al mondo. Alibaba gestisce anche il braccio cinese di Yahoo. Ma, un ex insegnante di inglese, ha fondato Alibaba nel 1999 per collegare i fornitori cinesi con i rivenditori all'estero. La sua ricchezza è stata stimata l'anno scorso in 2,4 miliardi di dollari. La Cina conta la maggiore popolazione di utenti internet globale, con 564 milioni persone on-line alla fine del 2012, secondo quanto rilevato dal China Internet Network Information Center.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.819,48 0,66% 24 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.189,81 0,44% 24 apr 17:50 CEST
Ftse 100 6.703,00 0,42% 24 apr 17:35 CEST
Dax 9.548,68 0,05% 24 apr 17:45 CEST
Dow Jones 16.501,65 0,00% 24 apr 22:32 CEST
Nikkei 225 14.492,40 0,61% 04:48 CEST

Ultime notizie dai mercati