Italia Markets close in 4 hrs 43 mins

Azioni dell’Asia-Pacifico sostenute in vista del discorso di Powell; Escalation delle controversie commerciali tra Giappone e Corea del Sud

James Hyerczyk

Venerdì, i principali indici azionari dell’area Asia-Pacifico sono stati negoziati per lo più in rialzo con la Corea del Sud, il perdente solitario. Le mosse sono state instabili all’inizio della sessione in quanto gli investitori si sono posizionati in vista di un discorso chiave del presidente della Federal Reserve Jerome Powell alle 14:00 GMT.

È probabile che Powell dia il tono ai mercati azionari globali per diverse settimane quando terrà il suo discorso al Jackson Hole, simposio dei banchieri centrali del Wyoming. Gli investitori sperano che Powell presenti un fronte accomodante segnalando una serie di riduzioni dei tassi nei prossimi 12 mesi che mostreranno al mondo con chiarezza e convinzione che i politici della Fed faranno tutto il possibile per stabilizzare l’economia degli Stati Uniti e prevenire una recessione globale. Le azioni potrebbero muoversi in rialzo su questa notizia.

Se Powell continuasse a ribadire la sua idea sul “ciclo a medio termine”, le azioni potrebbero precipitare.

Alle 07:22 GMT, l’indice giapponese Nikkei 225 era negoziato a 20710,91, in rialzo di 82,90 o + 0,40%. Il KOSPI della Corea del Sud era a 1948.30, in ribasso del 2,71 o -0,14% e l’indice Hang Seng di Hong Kong era a 26201,06, in rialzo del 152,34 o + 0,58%.

In Cina, l’indice di Shanghai era a 2897,43, in rialzo del 13,99 o + 0,49% e in Australia, l’indice S&P / ASX 200 era negoziato a 6523,10, in rialzo del 21,30 o + 0,33%.

Conflitto tra Giappone e Corea del Sud

Venerdì, il conflitto tra Giappone e Corea del Sud ha sollevato la sua brutta testa con le tensioni tra le due centrali tecnologiche che si sono intensificate giovedì dopo che Seoul ha dichiarato che stava annullando un patto di condivisione di informazioni con Tokyo in mezzo a un’aspra disputa commerciale.

L’accordo è stato progettato per condividere informazioni sulla minaccia rappresentata dalla Corea del Nord e dalle sue attività missilistiche e nucleari.

Secondo la CNBC, “il ministro della Difesa giapponese Takeshi Iwaya ha affermato che la decisione della Corea del Sud di venerdì ha dimostrato di non aver apprezzato la crescente minaccia alla sicurezza rappresentata dalle attività missilistiche di Pyongyang”.

La notizia ha contribuito a far aumentare le azioni di difesa in Giappone e Corea del Sud.

Indiscrezioni sulla Guerra commerciale

Giovedì, la Cina ha minacciato “contromisure” contro nuovi dazi statunitensi sui beni cinesi, ma non ha fornito dettagli su come risponderà.

“Se gli Stati Uniti continuassero con loro modo di fare, la Cina non ha altra scelta che prendere le corrispondenti contromisure”, ha detto il portavoce del Ministero del Commercio Gao Feng giovedì in Mandarino, secondo una traduzione della CNBC. “Gli Stati Uniti dovrebbero cambiare le loro azioni sbagliate”.

Non ha approfondito il significato di tali misure, ma ha sottolineato la necessità di equità nei negoziati commerciali.

I commenti del capo della RBNZ spinge il dollaro neozelandese

Venerdì, il dollaro neozelandese è rimbalzato da un minimo di tre anni e mezzo dopo che il capo della banca centrale del paese ha dichiarato di essere “soddisfatto” dell’attuale livello dei tassi di interesse a seguito di un taglio di mezzo punto a sorpresa all’inizio di questo mese. Gli investitori hanno interpretato il commento nel senso che la RBNZ potrebbe passare un altro taglio dei tassi a settembre.

Il governatore della Reserve Bank of New Zealand Adrian Orr ha dichiarato a Bloomberg TV in Wyoming che la RBNZ ridotta all’1% il 7 agosto ha permesso alla banca di anticipare qualsiasi rallentamento economico e ha ridotto la probabilità di dover fare molto di più in seguito.

“Quindi siamo contenti di dove siamo”, ha dichiarato Orr.

Risposta pacata al rapporto sulle vendite al dettaglio della Nuova Zelanda

La crescita delle vendite al dettaglio si è arrestata nel trimestre di giugno, sebbene l’aumento dei prezzi abbia aiutato il valore delle vendite a riprendersi da una pausa all’inizio dell’anno. I volumi delle vendite al dettaglio sono aumentati dello 0,2 per cento destagionalizzato nel trimestre di giugno dallo 0,7 per cento nel trimestre di marzo, ha dichiarato NZ stats. Gli economisti si aspettavano un aumento dello 0,2 per cento.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: