Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    35.398,82
    -11,31 (-0,03%)
     
  • Dow Jones

    40.003,59
    +134,21 (+0,34%)
     
  • Nasdaq

    16.685,97
    -12,35 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    38.787,38
    -132,88 (-0,34%)
     
  • Petrolio

    80,00
    +0,77 (+0,97%)
     
  • Bitcoin EUR

    61.420,92
    +897,49 (+1,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.369,64
    -4,20 (-0,31%)
     
  • Oro

    2.419,80
    +34,30 (+1,44%)
     
  • EUR/USD

    1,0872
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    5.303,27
    +6,17 (+0,12%)
     
  • HANG SENG

    19.553,61
    +177,08 (+0,91%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.064,14
    -8,31 (-0,16%)
     
  • EUR/GBP

    0,8555
    -0,0021 (-0,24%)
     
  • EUR/CHF

    0,9881
    +0,0038 (+0,38%)
     
  • EUR/CAD

    1,4787
    -0,0007 (-0,05%)
     

Bce, taglio tassi a giugno è ancora in gioco ma previsto allentamento più lento

Sede della Banca Centrale Europea (Bce) a Francoforte

BANGALORE (Reuters) - La Banca centrale europea dovrebbe tagliare il tasso a giugno, tre mesi prima di una ipotetica mossa della Federal Reserve, e poi altre due volte quest'anno, meno di quanto stimato in precedenza.

È quanto emerge da un sondaggio Reuters tra gli economisti.

La previsione di un taglio a giugno è in linea con le recenti indicazioni della Bce ma, anche se i banchieri centrali hanno precisato che probabilmente ci saranno altri tagli quest'anno, non sono stati chiari sul numero esatto.

Il calo più marcato dell'inflazione nella zona euro rispetto agli Stati Uniti avvalora comunque la tesi che la Bce taglierà i tassi più di una volta.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

La vastissima maggioranza, ovvero 91 economisti dei 97 intervistati per il sondaggio Reuters condotto tra il 15 e il 22 aprile, ritiene che la Bce ridurrà il tasso di deposito, attualmente al 4,00%, al 3,75% a giugno, in linea con le previsioni del mercato.

"Giugno sembra il punto di partenza di un ciclo di tagli... Solo una forte delusione dai dati sui salari collettivi che verranno diffusi a metà maggio potrebbe far deragliare un taglio a giugno, ma è molto improbabile", ha detto Bas van Geffen, senior macro strategist di Rabobank.

"L'entità dell'allentamento dipenderà anche dai rischi di inflazione al rialzo che sono particolarmente amplificati".

Nonostante l'inflazione sia scesa al 2,4% a marzo, i prezzi del petrolio persistentemente alti e l'elevata crescita dei salari potrebbero far deragliare i progressi.

Secondo il sondaggio, l'inflazione non rallenterà fino a raggiungere l'obiettivo del 2% della banca centrale prima del terzo trimestre del 2025.

Sebbene la presidente della Bce Christine Lagarde abbia detto, dopo la riunione di politica monetaria dell'11 aprile, che la banca centrale "non dipende dalla Fed", un ulteriore indebolimento dell'euro, che ha già perso più del 3,5% rispetto al dollaro quest'anno, potrebbe lasciare intravedere un'inflazione più forte.

Una maggioranza di oltre l'80%, ovvero 44 economisti su 54, ha detto di essere d'accordo con la dichiarazione di Lagarde.

"Lagarde ha tecnicamente ragione nel dire che la Bce è indipendente, ma la Bce non può ignorare ciò che sta accadendo negli Stati Uniti", ha detto Carsten Brzeski, responsabile globale macro di Ing.

"Con i recenti sviluppi del mercato, la ripresa dei prezzi del petrolio e l'indebolimento della valuta, l'idea di tagli dei tassi in successione è diventata molto improbabile. Penso quindi che la Bce farà esattamente quello che ha detto Lagarde: sarà estremamente dipendente dai dati".

Secondo poco più della metà, ovvero 52 su 97 economisti, dopo giugno la banca centrale taglierà il tasso di deposito altre due volte quest'anno. Mentre sette stimano un totale di 50 punti base di tagli dei tassi nel 2024, 38 prevedono tagli di 100 punti base o più.

In un sondaggio di marzo, una leggera maggioranza, 39 su 77 economisti, aveva previsto un totale di 100 punti base o più di riduzioni.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Sara Rossi)