Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.978,88
    +18,88 (+0,06%)
     
  • Nasdaq

    13.656,52
    +20,53 (+0,15%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,18
    -276,11 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,2165
    +0,0021 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    26.465,12
    +78,13 (+0,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    649,15
    +1,82 (+0,28%)
     
  • HANG SENG

    29.391,26
    -767,75 (-2,55%)
     
  • S&P 500

    3.855,95
    +0,59 (+0,02%)
     

"Big bang" Brexit provocherà faglia tettonica del trading in Europa

di Huw Jones e Tommy Wilkes
·5 minuto per la lettura
Skyline della City di Londra

di Huw Jones e Tommy Wilkes

LONDRA (Reuters) - L'Europa vedrà il più grande trasferimento di trading azionario in oltre due decenni quando le borse riapriranno al mercato nel 2021, con la Brexit che sposterà il centro di gravità lontano da Londra.

Mentre gli operatori del mercato sperano che anni di preparativi dal referendum britannico in cui i cittadini si sono espressi a favore del divorzio dall'Unione Europea possano portare a una transizione relativamente semplice della maggior parte degli asset in euro, come azioni e derivati, fuori dal paese, l'impatto a lungo termine non è chiaro.

"Questo evento è come il Big Bang e questa è una delle cose che il mercato non ha ancora realmente capito", ha detto a Reuters Alasdair Haynes, amministratore delegato della piattaforma londinese di trading Aquis Exchange.

"Questo significa letteralmente che tutto si muoverà in un giorno specifico e dobbiamo pregare Dio che non accada qualche evento straordinario nel mercato che possa creare volumi elevati", ha detto Haynes.

Sebbene lo storico accordo commerciale raggiunto la scorsa settimana abbia stabilito regole per settori come la pesca e l'agricoltura, non ha riguardato il settore finanziario britannico molto più ampio, il che significa che l'accesso automatico ai mercati finanziari dell'Unione Europea terminerà il 31 dicembre.

I giorni successivi forniranno un primo quadro degli effetti del cambiamento e le autorità di regolamentazione su entrambe le sponde della Manica saranno in allerta per le eventuali fluttuazioni del mercato il 4 gennaio, il primo giorno di trading del nuovo anno.

La Ue vuole ridurre la dipendenza dalla City di Londra per i servizi finanziari e vedere più scambi in euro a Francoforte, Parigi, Amsterdam e negli altri centri finanziari del blocco.

Questo dividerà i mercati azionari, obbligazionari e dei derivati europei in due gruppi di trading separati, sollevando timori di prezzi meno competitivi per gli investitori.

Le banche europee dovranno scambiare i titoli in euro all'interno del blocco dal 4 gennaio e saranno costrette a passare agli hub europei che hanno aperto ad Amsterdam o Parigi dalle piattaforme gestite da Cboe Europe, Aquis Exchange, Turquoise del London Stock Exchange e Goldman Sachs a Londra.

La maggior parte dei titoli è ancora scambiata sul mercato nazionale, ma le piattaforme di Londra insieme rappresentano quasi tutte le negoziazioni transnazionali di azioni nei restanti 27 stati della Ue.

Nel complesso, nel mese di ottobre, questo ammontava a 8,6 miliardi di euro al giorno, ovvero un quarto di tutte le negoziazioni europee, secondo i dati Cboe.

David Howson, presidente di Cboe Europe, ha detto che quasi tutto il trading transnazionale di azioni europee cambierà in una notte.

L'ultima volta che si è verificato un cambiamento così rapido dei volumi è stato nel 1998, quando gli scambi sul futures sui Bund decennali tedeschi da parte dei trader sulla piattaforma di scambio Liffe a Londra si sono spostati agli schermi elettronici più economici di Francoforte.

"Si tratta del più grande spostamento di trading su singole azioni negli ultimi due decenni almeno", ha detto Howson.

'ENORME AUTOGOL'

Per Aquis, più della metà delle attività in futuro sarà nella Ue piuttosto che tutte a Londra, mentre Cboe spera che la compensazione nelle transazioni azionarie possa passare dai rivali di Londra al proprio organismo di compensazione ad Amsterdam nel tempo.

Goldman Sachs prevede che metà del trading giornaliero di azioni sulla sua piattaforma di trading Sigma-X Europe si sposti nel tempo da Londra al suo nuovo hub di Parigi.

Cboe ha svolto un esercizio di simulazione il 5 dicembre e Howson ha rivelato che i suoi clienti si aspettano di trasferire tutti gli scambi di azioni europee verso le sedi del blocco.

Un altro dei principali motori di Londra è il trading da migliaia di miliardi di euro in derivati. Questa anomalia, che risale al 1999, quando la Gran Bretagna ha rinunciato al lancio dell'euro, ha visto una quota dominante delle negoziazioni di swap in euro nella capitale.

La Banca d'Inghilterra ha avvertito che il commercio di swap su tassi di interesse per un valore di circa 200 miliardi di dollari potrebbe essere interrotto, in quanto le banche che operano in Gran Bretagna e nella Ue dovranno operare all'interno della propria giurisdizione o su piattaforme approvate a New York.

La banca centrale potrebbe costringere la Gran Bretagna all'ultimo minuto ad allentare le sue restrizioni sul commercio di swap per ridurre al minimo i disagi.

Erik-Jan van Dijk, responsabile della tesoreria e dei derivati di Achmea Investment Management, ha detto che le autorità di regolamentazione hanno già adottato misure per limitare alcuni dei rischi consentendo alle banche europee di continuare a compensare temporaneamente i loro derivati a Londra.

Tuttavia, il trading dovrà spostarsi e alcune controparti con contratti di swap esistenti in Gran Bretagna sono riluttanti a trasferirli prima che sia assolutamente necessario.

"Potremmo lasciare alcune posizioni esistenti nel Regno Unito e potremmo scegliere di non fare affari con quelle controparti britanniche in futuro", ha detto van Dijk.

Il governatore della Banca d'Inghilterra Andrew Bailey ha detto che avrà tutto il suo "arsenale" a disposizione, anche se finora i regolatori affermano di non aspettarsi alcuna minaccia alla stabilità finanziaria.

"Non si può escludere che ci sarà qualche particolare disagio data la portata del cambiamento, ma nel complesso siamo soddisfatti che ci sia stata una buona gestione proattiva dei rischi in tutto il sistema", ha detto a Reuters Nikhil Rathi, Ceo della Financial Conduct Authority britannica.

Il primo giorno di scambi a gennaio potrebbe anche essere tranquillo poiché i volumi potrebbero essere sottili se alcuni partecipanti del mercato dovessero rimanere in disparte per vedere come si evolve la situazione, hanno detto Cboe e Aquis.

A lungo termine, l'attenzione si concentrerà su quanto i volumi si accumuleranno all'interno della Ue e quanto diminuiranno ulteriormente in Gran Bretagna.

"Non è l'inizio della fine di Londra, ma è piuttosto imbarazzante e un enorme autogol per la Gran Bretagna", ha detto Haynes di Aquis.

((Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614))