Italia Markets open in 6 hrs 58 mins

La bomba atomica del debito privato!

Andrea Mazzalai
 

Prima di iniziare il post di oggi partiamo da qui, dall’ennesima smentita di tutte le fesserie che girano in rete sull’inflazione, perché nella finanza è pieno di ignoranti in fatto di dinamiche macroeconomiche o micro, in attesa dei dati sui prezzi al consumo odierni e la relazione sulle vendite al dettaglio che riserveranno più di una sorpresa...

Vediamo cosa ci racconta di bello Econoday….

Released On 1/11/2018 8:30:00 AM For Dec, 2017

Prior Consensus Consensus Range Actual

PPI-FD – M/M change 0.4 % 0.2 % -0.1 % to 0.5 % -0.1 %

PPI-FD – Y/Y change 3.1 % 2.6 %

PPI-FD less food & energy – M/M change 0.3 % 0.2 % 0.1 % to 0.3 % -0.1 %

PPI-FD less food & energy – Y/Y change 2.4 % 2.3 %

PPI-FD less food, energy & trade services – M/M change 0.4 % 0.2 % 0.2 % to 0.3 % 0.1 %

PPI-FD less food, energy & trade services – Y/Y change 2.4 % 2.3 %

Highlights

Yesterday’s weakness in import and export prices did in fact point to wide weakness in today’s producer price report where the headline, at minus 0.1 percent in December, is 3 tenths below Econoday’s consensus for the first decline since August 2016. Ex-food and ex-energy is also at minus 0.1 percent and when also excluding trade services, which were very weak, prices came in at plus 0.1 percent. Year-on-year rates, which had been on the rebound, all fell back with total prices down 5 tenths to 2.6 percent.

Service prices are less sensitive to change than commodity prices and December shows wide weakness with the trade services component down a very steep 0.6 percent for the second straight decline and the third in the last four months. Goods prices were unchanged in December with key readings here showing a 0.7 percent decline for food, no change for energy and a 0.3 percent decline for finished goods with light trucks unchanged, cars up 0.2 percent and computers down 0.7 percent.

Down is definitely the theme of this report which points squarely at disappointment for tomorrow’s consumer price report where expectations are already soft, at an Econoday consensus gain of only 0.1 percent and 0.2 percent for the core (ex-food and ex-energy). The absence of inflation is a stubborn theme of the economy.

Il consenso degli ignoranti è uno spettacolo a cielo aperto, prevedevano tutto in positivo ed esce tutto in negativo, nonostante i recenti rialzi del petrolio!

Ad oggi il prezzo del greggio è superiore di quasi 11 punti rispetto ad un anno fa, i prezzi alla produzione un irrilevante 2,6 %.

Aspettatevi nelle prossime trimestrali un balletto tutto incentrato su profitti usciti meglio delle aspettative ridotte all’osso all’ultimo momento per giustificare ogni follia, in attesa di Madame VOLATILITE’!

La sorpresa per la debolezza di ieri dei prezzi delle importazioni e delle esportazioni ha messo in evidenza un’ampia debolezza di base nell’odierna relazione sui prezzi alla produzione, dove il dato effettivo uscito a MENO ZERO VIRGOLA UNO a dicembre, è ben TRE DECIMI sotto il consenso di Econoday e si tratta del il primo calo da agosto 2016.

Non male per una tendenza inarrestabile!

I prezzi dei servizi che sono meno sensibili al cambiamento rispetto ai prezzi delle materie prime a dicembre mostrano un’ampia debolezza con la componente dei servizi commerciali in calo di uno 0,6% molto marcato  il secondo calo consecutivo e il terzo negli ultimi quattro mesi.

E qui torniamo a noi!

Abbiamo appena scritto qualche giorno fa che la balla atomica o bomba come la volete chiamare del debito pubblico è la nuova arma della pultocrazia e delle elites per nascondere la realtà, ovvero che questa crisi è essenzialmente stata ed lo è tuttora una crisi di DEBITO PRIVATO…

Come riporta Zero Hedge  il debito globale ha colpito il nuovo massimo storico a 233 miliardi di dollari al termine del terzo trimestre del 2017 composto da $ 63 trilioni in debito governativo governo, $ 58 trilioni in debito finanziario, $ 68 trilioni in settori non finanziari e $ 44 trilioni in debito delle famiglie, un aumento totale di $ 16 trilioni in soli 9 mesi.

Visto che la fuori c’è un gregge di analisti ed economisti che decanta questa spettacolare crescita economica, fatta di balle e di bolle, vi facciamo vedere come fa il povero consumatore americano a continuare a consumare quel poco che consuma, visto il crollo degli ultimi anni…

Credito al consumo Usa: a novembre balzo maggiore da 16 anni

Nel (Londra: 0E4Q.L - notizie) novembre 2017 gli americani si sono indebitati a un passo che non si vedeva da 16 anni. Il credito al consumo – riflesso del debito al netto dei mutui – è salito a un tasso annualizzato di 27,95 miliardi di dollari sul mese precedente. Lo ha annunciato la Federal Reserve. Si tratta di una performance migliore delle stime, ferme a un +18 miliardi di dollari. Il dato di ottobre è stato rivisto al rialzo a 20,53 miliardi di dollari.

Il debito associato alle carte di credito è salito a un passo annualizzato del 13,3%. I debiti legati a prestiti studenteschi o per l’acquisto di un’auto, il cosiddetto credito non-revolving, sono aumentati al tasso annualizzato del 7,2%. Il debito associato al real estate è cresciuto al tasso annualizzato dell’8,83%, il più veloce da oltre due anni.

Le spese al consumo rappresentano oltre due terzi della domanda nell’economia Usa. Il debito dei consumatori Usa nel terzo trimestre del 2017 ha raggiunto un record di 12.955 miliardi di dollari, in rialzo dello 0,9% rispetto alla primavera.America 24

Fin qui tutto bene peccato che il minimo denominatore comune di tutte le grandi crisi del passato è sempre stato debito, debito e ancora DEBITO PRIVATO e la famigerata deflazione da debiti in atto non è altro che la conseguenza di queste dinamiche che hanno distrutto la velocità di circolazione della moneta che non da segnali di ripresa a morire.

Certo di queste cose a chi guarda solo ai record di Wall Street non interessa a nessuno, noi invece preferiamo fare culturale finanziaria e raccontarvi che prima o poi tutti i nodi vengono al pettine. Per carità non fermatevi, continuate a comprare azioni, stiamo solo suggerendo quello che racconta la storia, mi raccomando non lasciatevi influenzare continuare a seguire il gregge.

Come riporta Barry Ritholtz via FRED Blog, nel bel mezzo di molti titoli accattivanti negli ultimi mesi, uno potrebbe aver perso la notizia che il debito dei consumatori ha raggiunto il massimo storico del 26 percento del reddito disponibile, come si vede nella tabella qui sotto.

Negli ultimi cinque anni, il debito dei consumatori (tutti i debiti delle famiglie, esclusi i mutui e i prestiti per la casa) è cresciuto a circa il doppio del reddito delle famiglie. Ciò è stato in gran parte determinato da una forte crescita sia del credito auto che di quello studentesco.

Ma cosa dice questo sull’economia? È un segno di ottimismo o di preoccupazione? Aumento dei livelli di debito

L’aumento dei livelli del debito delle famiglie potrebbe significare che:

  • Più americani sono ottimisti sull’economia degli Stati Uniti.
  • Più persone stanno facendo investimenti in attività che generano generalmente ricchezza, come l’istruzione superiore e gli immobili
  • I consumatori hanno rimborsato i loro prestiti per qualificarsi per nuovi.

Allo stesso tempo, livelli di debito più elevati potrebbero rivelare uno stress finanziario in quanto le famiglie utilizzano il debito per finanziare il consumo di beni di prima necessità. Potrebbe far presagire nuove ondate di delinquenze e, alla fine, inadempienze che spostano questo tipo di investimenti. E l’aumento del debito familiare potrebbe rallentare la crescita economica e, naturalmente, anche portare a una recessione.

Per carità, non prendete sul serio queste fesserie aggiungo io…non fatevi condizionare da queste cosucce, ironia inclusa!

L’articolo prosegue con il riferimento di un simposio organizzato dal  Centro per la stabilità finanziaria delle famiglie. Guardando tutti i documenti e le discussioni sul simposio  sono emersi alcuni temi chiave.

N. 1: Debito a breve termine vs a lungo termine

Nonostante una comprensione incompleta dei driver e del meccanismo del debito delle famiglie, abbiamo appreso che l’aumento dei debiti delle famiglie può aumentare il consumo e la crescita del PIL nel breve termine (entro un anno o due), ma sopprimerli oltre.

E qui una piccola parentesi. Se vi ricordate, cari amici di Machiavelli da tempo vi suggerisco che il debito è un’ipoteca sulla crescita futura, il principale macigno della…

DEFLAZIONE DA DEBITI: COSA POTREBBE ACCADERE …

Questo è l’articolo più letto della storia di Icebergfinanza, letto da migliaia di manager e imprenditori, grazie all’amico Claudio e alla sua rivista BusinessCommunity.it ,  e non potrebbe essere altrimenti visto che è una buona mappa per comprendere cosa accadrà nei prossimi anni.

Se e in che modo il debito delle famiglie incide sulla crescita economica nel lungo periodo di Autore: Andrea Mazzalai Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online