Italia markets close in 5 hours 57 minutes
  • FTSE MIB

    23.757,26
    +75,69 (+0,32%)
     
  • Dow Jones

    31.802,44
    +306,14 (+0,97%)
     
  • Nasdaq

    12.609,16
    -310,99 (-2,41%)
     
  • Nikkei 225

    29.027,94
    +284,69 (+0,99%)
     
  • Petrolio

    65,76
    +0,71 (+1,09%)
     
  • BTC-EUR

    45.505,27
    +3.460,39 (+8,23%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.093,89
    +69,68 (+6,80%)
     
  • Oro

    1.700,80
    +22,80 (+1,36%)
     
  • EUR/USD

    1,1908
    +0,0055 (+0,46%)
     
  • S&P 500

    3.821,35
    -20,59 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    28.773,23
    +232,40 (+0,81%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.774,41
    +11,17 (+0,30%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    +0,0012 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,1105
    +0,0014 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,5011
    +0,0017 (+0,12%)
     

Borsa Milano apre in rialzo con Europa dopo giuramento Draghi, bene banche, su Eni

·1 minuto per la lettura
L'ingresso alla Borsa di Milano

MILANO, 12 febbraio (Reuters) - Partenza in rialzo per Piazza Affari, che si muove in scia ai principali listini europei, in un clima complessivo di buona propensione al rischio sui mercati finanziari globali.

Sul fronte interno, gli investitori si concentrano sulla composizione del nuovo governo a guida Mario Draghi, fresco di giuramento.

"Il nuovo premier ha affidato ai tecnici i ministeri chiave, cioè quelli più esposti nella redazione e gestione del piano di ripresa e nella gestione dei conti pubblici", sottolinea Equita in una nota.

Secondo Barclays, l'esecutivo Draghi riduce il rischio che il piano, per il quale l'Italia potrà attingere fino a 209 miliardi di euro in risorse europee, non soddisfi i criteri di Bruxelles e rende più probabile che l'Italia possa accedere alla prima erogazione da 6 miliardi di euro entro la fine di giugno.

In generale, a spingere gli investitori verso il rischio è la crescita migliore delle attese dell'economia giapponese nel quarto trimestre (+12,7% annualizzato, contro una mediana delle stime pari a +9,5%), unita alle speranze di misure di sostegno all'economia flagellata dal coronavirus da parte della nuova amministrazione statunitense.

Bene i bancari, che beneficiano, tra l'altro, della discesa del premio di rischio dei titoli italiani. UNICREDIT sale di 1,6%, INTESA SANPAOLO di poco meno dell'1%.

Tra gli energetici spicca Eni, che avanza di circa l'1,9%, beneficiando della risalita dei prezzi del greggio ai massimi da gennaio 2020.

Rialzo di 1,3% per Sanlorenzo dopo l'annunco dell'accordo di joint venture con Ferretti per rilevare Perini navi.

Male Juventus e Lazio dopo le rispettive sconfitte in campionato con Napoli ed Inter che le allontano dalla vetta della classifica.

(Elvira Pollina, in redazione a Roma Stefano Bernabei)