Italia markets close in 1 hour
  • FTSE MIB

    24.391,15
    -411,75 (-1,66%)
     
  • Dow Jones

    34.201,13
    -541,69 (-1,56%)
     
  • Nasdaq

    13.193,42
    -208,44 (-1,56%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • Petrolio

    65,18
    +0,26 (+0,40%)
     
  • BTC-EUR

    45.921,64
    -1.570,51 (-3,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.580,92
    +1.338,24 (+551,45%)
     
  • Oro

    1.832,40
    -5,20 (-0,28%)
     
  • EUR/USD

    1,2173
    +0,0038 (+0,32%)
     
  • S&P 500

    4.125,08
    -63,35 (-1,51%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.943,37
    -79,98 (-1,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8608
    +0,0018 (+0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0969
    +0,0035 (+0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,4726
    +0,0042 (+0,29%)
     

BORSA MILANO, avvio poco mosso, in controtrend balzano Mediaset, Mps

·1 minuto per la lettura
L'ingresso principale della Borsa di Milano

MILANO, 4 maggio (Reuters) - Avvio poco mosso a Piazza Affari in sintonia con il resto dell'azionario europeo.

Il clima sui mercati in mattinata è moderatamente positivo sostenuto dai lievi guadagni a Wall Street di ieri grazie al buon andamento della stagione delle trimestrali e ai commenti positivi della Fed sul miglioramento dell'economia americana che hanno controbilanciato i deboli dati sulla manifattura Usa.

Gli investitori sono alla ricerca di nuovi segnali di ripresa e, in una giornata scarna sul fronte dei dati, il focus in questi giorni si concentrerà in particolare sui dati relativi al lavoro Usa in calendario venerdì.

Tra i titoli in evidenza:

Mediaset balza del 4% dopo l'accordo raggiunto con Vivendi per mettere fine alle controversie e che vedrà il gruppo francese ridurre drasticamente la sua quota nel gruppo di Cologno Monzese. L'intesa prevede anche la distribuzione di un dividendo straordinario di 0,30 euro per azione e l'impegno del socio francese a sostenere i piani intenazioni di Mediaset.

Bancari tonici, sostenuti dalle attese sul rafforzamento degli incentivi fiscali alle fusioni in arrivo con il decreto Sostegni bis che dovrebbe andare questa settimana in consiglio dei ministri. In particolare, questi incentivi renderebbero Banca Mps, in progresso del 3,5%, una preda più ambita aumentando la dote che il precedente esecutivo aveva messo sul tavolo per convincere i potenziali pretendenti, in primis UNICREDIT che sale dello 0,4%.

Qualche spunto positivo anche su Banco Bpm e Bper , altre protagoniste attese del consolidamento bancario, con guadagni intorno al mezzo punto percentuale.

In rialzo Tenaris e altri titoli legati al settore petrolifero cone Saipem e Eni.

In fondo al listino Ferrari, in attesa dei risultati trimestrali, cede l'1%.

(Andrea Mandalà, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)