Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.095,00
    +29,95 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,77 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,19 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    110,35
    +0,46 (+0,42%)
     
  • BTC-EUR

    27.817,60
    -3,30 (-0,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,34
    -23,03 (-3,42%)
     
  • Oro

    1.845,10
    +3,90 (+0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0562
    -0,0026 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,56 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.657,03
    +16,48 (+0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8442
    -0,0039 (-0,46%)
     
  • EUR/CHF

    1,0288
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,3556
    -0,0013 (-0,09%)
     

Borsa Milano, in calo con pochi spunti, pesa stacco cedole

·1 minuto per la lettura
Una donna davanti l'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari è in calo a fine mattina, appesantita come il resto d'Europa dai timori legati alla guerra in Ucraina e alla prospettiva di un aggressivo inasprimento della politica monetaria Usa.

Pesa anche l'andamento negativo dei futures Usa che preannuncia un avvio debole a Wall Street.

"L'umore degli investitori è depresso dalla paura di una escalation della guerra russa contro l'Ucraina e del suo impatto geopolitico ed economico, cui si aggiunge un po' di tensione sui prossimi aumenti dei tassi di interesse", dice un trader secondo cui - in assenza di spunti significativi - prevalgono movimenti di piccolo cabotaggio.

Intorno alle 12,30 l'indice FTSE Mib cede l'1,7%, condizionato dallo stacco cedole di diverse blue chip come Banco BPM, CNH Industrial, Ferrari, Prysmian, Stellantis, UniCredit. Il futures con scadenza a giugno limita il calo a -0,9%, più in linea con gli indici europei.

Volumi intorno a 1 miliardo di euro.

Tra i titoli in evidenza:

Tra gli spunti positivi gli energetici con Eni e Saipem (+2,1%), qualche banca come Unicredit e Banco BPM (+1,8% circa), l'automotive con Iveco e Stellantis.

Scendono invece Intesa Sanpaolo, Mediobanca e le assicurazioni come Generali (-3%), i finanziari come Nexi.

Deboli Telecom, Amplifon, Diasorin.

Tra le più piccole vivace Marr (+2,7%): Equita sottolinea le indicazioni positive giunte dalla stampa sulla ripresa del turismo a Pasqua, che potrebbe spingere i risultati trimestrali della foodservice company oltre le attese.

(Claudia Cristoferi, editing Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli