Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.381,35
    -256,37 (-1,13%)
     
  • Dow Jones

    30.814,26
    -177,26 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,14 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.519,18
    -179,08 (-0,62%)
     
  • Petrolio

    52,04
    -1,53 (-2,86%)
     
  • BTC-EUR

    30.261,43
    -556,46 (-1,81%)
     
  • CMC Crypto 200

    701,93
    -33,21 (-4,52%)
     
  • Oro

    1.827,70
    -23,70 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,2085
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    28.573,86
    +77,00 (+0,27%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.599,55
    -41,82 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8887
    +0,0010 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0759
    -0,0034 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5369
    +0,0008 (+0,05%)
     

Borsa Milano in cerca direzione, su Eni, Mps e Fincantieri, scivola Pirelli

·3 minuto per la lettura

MILANO, 5 gennaio (Reuters) - -

Seduta interlocutoria per Piazza Affari, con il listino principale che si muove poco sotto la parità a fine mattinata, in un mercato che fatica a trovare una direzione definita tra bassi volumi.

L'attenzione degli investitori è concentrata sull'evoluzione del dibattito nella maggioranza di governo, che potrebbe portare a un rimpasto, e all'andamento dell'epidemia di coronavirus, con nuovi picchi di contagio in diversi Paesi.

Ieri il Regno Unito ha annunciato un nuovo lockdown generale, con chiusura delle scuole, fino a metà febbraio, e anche Berlino si appresterebbe a prolungare le misure restrittive fino alle fine del mese. Il governo italiano, nella notte, ha deciso di limitare gli spostamenti tra Regioni fino a metà gennaio.

"Con un numero elevato di nuovi casi e sistemi sanitari sotto pressione in gran parte dell'Europa, le restrizioni sembrano destinate ad essere estese ulteriormente", si legge in un report di Morgan Stanley, in cui si sottolinea come l'avvio, complessivamente rallentato, della campagna vaccinale in Europa potrebbe prolungare l'impatto negativo delle misure anti-contagio anche al secondo trimestre.

Tra i titoli in evidenza:

Brillante Banca Monte dei Paschi, che guadagna fino al 3%, sostenuta dalle indiscrezioni riportate da Il Messaggero sull'integrazione con UNICREDIT, la quale invece lascia sul terreno lo 0,7% circa.

Stamani il quotidiano romano ha riferito che sarebbe allo studio un piano per lo spin-off di una mini Mps, concentrata sulla Toscana, che conservi il brand dell'istituto senese.

Male Pirelli, che cede l'1,7%% circa dopo la bocciatura di JP Morgan, che ha tagliato il proprio giudizio sul titolo ad 'underweight' da 'neutral', riducendo anche il target price a 4 da 4,1 euro.

Sempre JP Morgan ha invece tratteggiato un quadro complessivamente positivo per il settore auto, compresa la componentistica, con un incremento atteso dei volumi globali dell'11%. Uno scenario di cui dovrebbe beneficiare anche Fca che, fresca dell'ok degli azionisti alla fusione con Psa, si muove attorno alla parità.

Bene il comparto legato al settore petrolifero, con ENI e SAIPEM entrambe in rialzo del 2% circa, in attesa dell'esito della riunione dei principali Paesi produttori di greggio sui livelli di produzione di febbraio, dopo il nulla di fatto di ieri.

Un documento interno Opec visionato da Reuters, datato 4 gennaio, include il taglio della produzione giornaliera di 500.000 mila barili il mese prossimo tra i diversi scenari presi in esame per il 2021.

Tornando ad Eni, due fonti vicine alla situazione hanno confermato l'indiscrezione di MF, secondo cui la major ha congelato la vendita degli asset australiani valutati circa 1 miliardo di dollari, poiché ritiene che le condizioni non siano favorevoli.

Fuori dal listino principale, spunti su Mediaset , con lo scongelamento dei diritti di voto di Vivendi decretato dal Tar del Lazio prima di Natale che fa riemergere l'appeal speculativo del titolo, in rialzo dello 0,6% circa.

In evidenza Fincantieri, che sale intorno all'1,7%, dopo che 'Il Sole 24 Ore' ha riportato della prossima finalizzazione di un contratto da 2,3 miliardi di euro con la Marina militare per la costruzione di quattro sottomarini.

(Elvira Pollina, in redazione a Roma Francesca Piscioneri)