Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.218,16
    -495,44 (-1,93%)
     
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,37 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -130,97 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.964,08
    -54,25 (-0,19%)
     
  • Petrolio

    71,50
    +0,46 (+0,65%)
     
  • BTC-EUR

    30.305,14
    -730,37 (-2,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    888,52
    -51,42 (-5,47%)
     
  • Oro

    1.763,90
    -10,90 (-0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,1865
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    28.801,27
    +242,68 (+0,85%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.083,37
    -74,77 (-1,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8590
    +0,0041 (+0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0935
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4786
    +0,0075 (+0,51%)
     

Borsa Milano in forte calo, male Diasorin, Stm, banche in recupero

·2 minuto per la lettura
L'ingresso principale della Borsa di Milano

MILANO, 11 maggio (Reuters) - Indici in forte calo a Piazza Affari e, più in generale, su tutti mercati europei. A pesare, i timori per una ripresa dell'inflazione che negli Stati Uniti ha spinto gli investitori a forti vendite sul comparto tecnologico. A Wall Street il Nasdaq ha aperto in netto calo anche oggi, ma scendono anche gli altri indici, il Dow e S&P500, che sono comunque a un passo dai massimi storici.

"Parte tutto dagli Stati Uniti e si temono ripercussioni sulle trimestrali dei tecnologici e questo sta portando a scaricare le posizioni", osserva un trader.

Sull'obbligazionario italiano lo spread del rendimento fra titoli di stato decennali italiani e tedeschi è stabile a 110 punti base.

Tra i titoli in evidenza:

Pesante Stmelectronics in flessione del 3,8% in sintonia con il settore tecnologico a livello europeo (-2,8%).

In deciso calo l'automotive, con Exor (-3%), Stellantis (-3,2%), Cnh Industrial (-4,3%). A livello europeo il comparto cede oltre il 2%.

In forte calo anche le utility e i titoli dell'energia, con in particolare Snam che perde lo 0,8%, Tenaris(-2,3%). Male A2A che perde l'1,7%.

Fra i peggiori del listino Diasorin, che arretra del 4,2%. Un trader cita il ribasso generalizzato dei farmaceutici a seguito dell'annuncio del presidente Usa Joe Biden di un piano per sospendere i diritti sui vaccini anti Covid. In particolare Diasorin risente della campagna vaccinale in corso che porterà a una progressiva riduzione dei test molecolari per individuare la presenza del virus.

Perdite decisamente più contenute per i titoli finanziari, molti con il segno positivo. Nel listino principale, Banco Bpm(+1,4%) e Bper(+1%) corroborate anche dalle dichiarazioni del Ceo di Mediobanca, Alberto Nagel, secondo cui nei primi 12 mesi ci saranno altre operazioni di "m&a". Ben raccolta anche Unicredit(+0,9%), mentre resta al palo Intesa San Paolo(-0,8%). Mpsperde l'1,3%.

Fuori dal paniere, Cir sale dell'1,9% a 0,514 euro dopo l'annuncio di un'Opa volontaria parziale su azioni proprie a 0,51 euro per azione.

I risultati del primo trimestre che vedono un miglioramento dei margini premiano Saras che sale del 2,5%.

(Giancarlo Navach, in redazione a Roma Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli