Italia markets open in 1 hour 46 minutes
  • Dow Jones

    26.519,95
    -943,24 (-3,43%)
     
  • Nasdaq

    11.004,87
    -426,48 (-3,73%)
     
  • Nikkei 225

    23.330,20
    -88,31 (-0,38%)
     
  • EUR/USD

    1,1755
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    11.298,14
    +27,44 (+0,24%)
     
  • CMC Crypto 200

    262,80
    -9,89 (-3,63%)
     
  • HANG SENG

    24.589,58
    -119,22 (-0,48%)
     
  • S&P 500

    3.271,03
    -119,65 (-3,53%)
     

Borsa Milano peggiora, giù UniCredit, rimbalza Mps, crolla Autogrill

·3 minuti per la lettura
L'ingresso principale della Borsa di Milano
L'ingresso principale della Borsa di Milano

MILANO, 13 ottobre (Reuters) - Seduta negativa a Piazza Affari, che ricalca l'andamento degli altri mercati europei, con gli investitori che preferiscono realizzare in un contesto sempre difficile legato alle misure di contenimento della pandemia, mentre un nuovo Dpcm impone ulteriori limitazioni alla vita sociale.

I volumi sono sempre molto contenuti, come sta avvenendo da diverse sedute.

Inoltre, è di stamani la notizia che Johnson & Johnson ha deciso di sospendere i propri test clinici per il vaccino contro il Covid-19, alimentando dubbi sulla sua distribuzione.

A Wall Street indici in lieve calo, a eccezione del Nasdaq che prosegue il rally dei tecnologici.

Fermo intorno ai 117 punti base lo spread del rendimento fra i titoli di stato decennali italiani e tedeschi.

Banche negative anche oggi. Fra le big Unicredit perde il 2,7% circa. Secondo una fonte il Ceo Jean Pierre Mustier vuole accelerare sul piano di separazione degli asset italiani ed esteri che potrebbe, secondo Il Sole, approdare a un Cda entro fine anno anche se non c'è ancora consenso unanime del board. Il broker Equita si mostra scettico su questo piano: "Crediamo che le chances di realizzare un progetto di così ampia portata strategica siano piuttosto basse nel breve periodo in quanto difficilmente potrebbe essere approvato da un Cda in scadenza da rinnovare ad aprile".

Sul resto del comparto, non è da meno Intesa Sp (-2%), mentre Mps, volatile, ha recuperato tutte le perdite del durante e segna un rialzo del 2,1%. Il titolo viene da quattro sedute consecutive negative (-14,2% nelle ultime quattro). Un trader fa notare che sul titolo agisce sempre la speculazione legata alla cessione della banca da parte del Tesoro. Vendite sostenute anche su Banco Bpm (-3,96%) e Bper (-5,2%). Male anche Mediobanca in calo del 3,3%.

Tonfo per Autogrill, in flessione del 10,2%, penalizzato dal "sell" di Citigroup che ha anche rivisto il prezzo obiettivo a 2,5 euro, come riportano i broker dalle sale operative. "Oggi il titolo risente essenzialmente per il downgrade che ha ricevuto", osserva un trader anche se il contesto nel quale opera il gruppo è fortemente impattato dagli effetti della pandemia che hanno drasticamente ridotto i consumi e l'utilizzo di aerei e auto.

Raccolta Atlantia con un rialzo dello 0,8% sul riavvio delle trattative con Cdp. Secondo una fonte, il Cda di ieri si è dato una settimana di tempo per trattare con Cassa Depositi e Presiti al fine di raggiungere un accordo sul riassetto di Autostrade per l'Italia.

Giù gli altri titoli del settore industriale, come Fca (-1,9%), Pirelli (-1,6%) e Leonardo (-1,6%).

La notizia della positività del calciatore Cristiano Ronaldo al coronavirus fa sbandare il titolo della Juventus che registra un calo del 4,7%.

Nuovo ribasso per AS Roma, che cede il 12% circa a 0,16 euro, mentre è in corso l'Opa obbligatoria a 0,1165 euro da parte del gruppo Friedkin, che ha rilevato nei mesi scorsi l'86,6% del club giallorosso. L'offerta terminerà il 29 ottobre.

Svetta sul finale Tiscali con un balzo del 27,6%.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)