Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.565,41
    -317,06 (-1,18%)
     
  • Dow Jones

    34.449,48
    +288,70 (+0,85%)
     
  • Nasdaq

    13.602,96
    +250,18 (+1,87%)
     
  • Nikkei 225

    26.717,34
    +547,04 (+2,09%)
     
  • Petrolio

    87,00
    +0,39 (+0,45%)
     
  • BTC-EUR

    33.468,92
    +832,45 (+2,55%)
     
  • CMC Crypto 200

    846,46
    +4,00 (+0,48%)
     
  • Oro

    1.789,60
    -5,40 (-0,30%)
     
  • EUR/USD

    1,1147
    0,0000 (-0,00%)
     
  • S&P 500

    4.387,52
    +61,01 (+1,41%)
     
  • HANG SENG

    23.550,08
    -256,92 (-1,08%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.136,91
    -48,06 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8322
    -0,0006 (-0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0375
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4238
    +0,0050 (+0,35%)
     

Borsa Usa, Dow Jones in calo 2% su nuova variante virus

·1 minuto per la lettura
Il cartello stradale di Wall Street a New York

(Reuters) - Il Dow Jones pesa sulla borsa Usa, con i settori viaggi, bancario e commodity penalizzati da sell-off legato alla scoperta di una nuova variante del coronavirus, potenzialmente resistente ai vaccini.

Intorno alle ore 17,45 italiane, il Dow Jones cede 998,35 punti, o il 2,80%, a 34.803,05, ai minimi da ottobre 2020. L'S&P 500 perde 98,72 punti, o il 2,09%, a 4.603,46 e il Nasdaq scivola di 308,49 punti, o l'1,93% a 15.539,35.

Gli operatori di crociere Carnival Corp, Royal Caribbean Cruises e Norwegian Cruise Line perdono oltre il 12%, mentre United Airlines, Delta Air Lines e American Airlines cedono oltre il 13%.

Dieci segmenti S&P su 11 perdono terreno, con il settore energia in ribasso del 6,3% seguito dal finanziario e dall'industriale.

L'indice small-cap Russell 2000 cede il 4,9%, ai minimi di oltre quattro settimane.

Il settore bancario dell'S&P 500 scivola del 5,1% dopo che gli investitori hanno ridimensionato le loro scommesse su un rapido aumento dei tassi d'interesse da parte della Fed.

L'indice della volatilità CBOE è balzato ai massimi dal 20 settembre.

Titoli cosiddetti "stay-at-home" come Netflix, Peloton Interactive e Zoom Video Communications guadagnano tra l'1,5% e l'8%.

Sugli scudi il settore difensivo dell'healthcare, stimolato dai produttori di vaccini Pfizer, BioNTech e Moderna, che spiccano il volo tra il 5,5% e il 25%.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli