Italia markets close in 6 hours 54 minutes
  • FTSE MIB

    24.194,30
    -47,05 (-0,19%)
     
  • Dow Jones

    33.597,92
    +1,58 (+0,00%)
     
  • Nasdaq

    10.958,55
    -56,34 (-0,51%)
     
  • Nikkei 225

    27.574,43
    -111,97 (-0,40%)
     
  • Petrolio

    72,52
    +0,51 (+0,71%)
     
  • BTC-EUR

    16.021,50
    -115,68 (-0,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    395,07
    -6,96 (-1,73%)
     
  • Oro

    1.795,20
    -2,80 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,0504
    -0,0010 (-0,09%)
     
  • S&P 500

    3.933,92
    -7,34 (-0,19%)
     
  • HANG SENG

    19.450,23
    +635,41 (+3,38%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.923,26
    +2,36 (+0,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,8634
    +0,0028 (+0,33%)
     
  • EUR/CHF

    0,9889
    +0,0009 (+0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,4360
    +0,0017 (+0,12%)
     

Borsa Usa, Dow Jones in rialzo a inizio trimestrali, Microsoft trascina Nasdaq in ribasso

(Reuters) - Il Dow Jones guadagna terreno, con gli investitori che si preparano alla riunione della Federal Reserve in settimana e ai risultati trimestrali di alcune delle maggiori società per valutare l'impatto del dollaro forte e dell'inflazione in aumento; mentre il Nasdaq scambia in ribasso a causa delle perdite di Microsoft.

Apple, Amazon.com, Alphabet, Microsoft e Meta , che insieme rappresentano 8,9 mila miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato, ovvero un quarto del peso dell'indice di riferimento, hanno in programma di annunciare i propri risultati questa settimana.

Le azioni delle società a forte crescita hanno avuto un andamento misto nella prima ora di scambi.

Intorno alle 17,15, Microsoft è in ribasso dello 0,49% dopo che Wells Fargo ne ha ridotto l'obiettivo di prezzo, citando come motivi i rischi dell'inflazione, l'aumento dei tassi e il rafforzamento del dollaro sugli utili.

Il rafforzamento del dollaro, che si aggira vicino ai massimi di 20 anni a seguito di un aggressivo ciclo di inasprimento della politica da parte della Fed, è ritenuto un fattore sfavorevole alle aziende statunitensi, soprattutto quelle con grandi operazioni globali.

Si prevede che la Fed, al termine della riunione di politica monetaria di due giorni che si terrà mercoledì, effettuerà un altro rialzo dei tassi di 75 punti base, ponendo di fatto fine al sostegno all'economia statunitense del periodo della pandemia.

L'attenzione si rivolgerà anche alla conferenza stampa del presidente Jerome Powell per avere indizi sulle decisioni dei banchieri centrali in merito ai futuri rialzi dei tassi, con i timori che un inasprimento aggressivo possa far precipitare l'economia in una recessione.

Nel frattempo, i dati preliminari del Pil del secondo trimestre, in programma giovedì, saranno probabilmente negativi, dopo la contrazione dell'economia statunitense vista nei primi tre mesi dell'anno.

Intorno alle 17,15, il Dow Jones segna un rialzo di 34,03 punti, o dello 0,11%, a 31.933,32 punti. Lo S&P 500 è in rialzo di 1,52 punti, o dello 0,04%, a 3.963,31, mentre il Nasdaq Composite è in calo di 56,37 punti, o dello 0,5%, a 11.775,075.

Le azioni della Newmont cedono il 10,4% dopo che la società mineraria ha alzato le previsioni sui costi annuali e ha mancato l'utile del secondo trimestre, penalizzato dal calo dei prezzi dell'oro e dalle pressioni inflazionistiche.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Stefano Bernabei)