Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.114,50
    -724,13 (-1,25%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

BORSA USA - S&P 500 su massimi storici grazie a spinta Netflix e titoli chip

Il logo di Netflix presso la sede dell'azienda a Los Angeles, California

(Reuters) - Wall Street sale, con l'S&P 500 su livelli intraday record, mentre Netflix corre dopo aver superato le aspettative di crescita degli abbonati e i semiconduttori guadagnano sulla scia dei rialzi di Asml.

L'S&P 500 tocca un nuovo massimo intraday per la terza volta in meno di una settimana, alimentando una corsa di un mercato toro evidente da venerdì. Anche il Dow Jones ha superato lunedì la soglia dei 38.000 punti per la prima volta.

Alle 16,30 il Dow Jones guadagna lo 0,1%, a 37.947,00 punti, lo S&P 500 aggiunge lo 0,6% a 4.891,08 punti, e il Nasdaq Composite è in rialzo dell'1%, a 15.574,98 punti.

Tra i singoli titoli, vola Netflix, in rialzo di 12,6% ai massimi di due anni, dopo che la crescita degli abbonati nel quarto trimestre, la più ampia nella storia dell'azienda, indica che Netflix ha vinto la guerra dello streaming grazie al suo giro di vite sulla condivisione delle password e a una serie di contenuti molto apprezzati.

Il settore dei servizi di comunicazione che ospita il titolo ha guidato i guadagni settoriali con un rialzo dell'1,6%.

Cala invece AT&T che perde il 2,8% dopo aver previsto utili annuali sotto alle aspettative, e Dupont de Nemours, in ribasso di 12,9% dopo aver previsto una perdita nel quarto trimestre.

I titoli dei semiconduttori, tra cui nVidia, Advanced Micro Devices e Intel guadagnano tra l'1,1% e il 3,4% dopo che Asml Holding ha superato le stime sugli utili del quarto trimestre e ha fatto registrare ordini trimestrali da record.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Claudia Cristoferi)