Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • Dow Jones

    39.883,72
    +76,95 (+0,19%)
     
  • Nasdaq

    16.827,80
    +32,92 (+0,20%)
     
  • Nikkei 225

    38.946,93
    -122,75 (-0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0859
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • Bitcoin EUR

    63.953,38
    -168,27 (-0,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.507,37
    +18,83 (+1,27%)
     
  • HANG SENG

    19.220,62
    -415,60 (-2,12%)
     
  • S&P 500

    5.321,25
    +13,12 (+0,25%)
     

Borse Europa ai massimi di due settimane, attesa per dati inflazione, riunione Fed

(Reuters) - L'azionario europeo tocca un massimo di due settimane, estendendo la forte performance della scorsa settimana, con i dati economici della zona euro e la decisione di politica monetaria degli Stati Uniti in primo piano.

Intorno alle 11,30, lo STOXX 600 sale dello 0,4%, dopo che venerdì scorso l'indice paneuropeo ha registrato il primo guadagno su base settimanale in quattro settimane.

Domani gli investitori si concentreranno sui dati sull'inflazione della zona euro e mercoledì sulla tanto attesa decisione della Federal Reserve sui tassi di interesse di maggio, mentre tengono d'occhio la stagione delle trimestrali in corso.

Le materie prime salgono dello 0,8% ai massimi da 13 mesi, con ANGLO AMERICAN in rialzo dell'1,5% dopo che Reuters ha detto che il gruppo BHP sta valutando di fare un'offerta migliore per la società mineraria.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

PHILIPS registra un'impennata del 37% in seguito all'annuncio di un ampio accordo da 1,1 miliardi di dollari per le richieste di risarcimento relative ai dispositivi respiratori richiamati negli Stati Uniti, che pone fine all'incertezza che aveva ridotto il valore di mercato dell'azienda olandese negli ultimi tre anni.

ATOS balza del 16% grazie all'offerta del governo francese per l'acquisto di alcune controllate chiave dell'azienda informatica.

DEUTSCHE BANK perde il 5,6% dato che effettuerà un accantonamento legale per un contenzioso relativo all'acquisizione di Postbank che danneggerà la redditività del secondo trimestre e dell'intero anno.

PORSCHE scivola del 2,6% in seguito al calo del 30% dell'utile operativo del primo trimestre.

La norvegese PUBLIC PROPERTY INVEST, parzialmente controllata dal gruppo immobiliare svedese in crisi SBB, perde il 7,3% al proprio debutto sul mercato Euronext di Oslo.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Stefano Bernabei)