Italia markets close in 3 hours 51 minutes
  • FTSE MIB

    22.592,60
    +93,71 (+0,42%)
     
  • Dow Jones

    30.814,26
    -177,24 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,10 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.633,46
    +391,25 (+1,39%)
     
  • Petrolio

    52,56
    +0,20 (+0,38%)
     
  • BTC-EUR

    30.623,24
    +450,25 (+1,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    736,31
    +1,17 (+0,16%)
     
  • Oro

    1.839,20
    +9,30 (+0,51%)
     
  • EUR/USD

    1,2132
    +0,0048 (+0,40%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    29.642,28
    +779,51 (+2,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.611,40
    +8,73 (+0,24%)
     
  • EUR/GBP

    0,8911
    +0,0023 (+0,26%)
     
  • EUR/CHF

    1,0773
    +0,0017 (+0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,5436
    +0,0041 (+0,27%)
     

Borse Europa in lieve calo, pesano banche e comparto auto

LONDRA (Reuters) -

I timori sull'aumento dei dazi doganali pesano anche oggi sulle borse del Vecchio Continente.

** L'indice europeo STOXX 600 perde lo 0,08%, recuperando però rispetto a metà mattinata, quando avevo toccato il minimo da 11 mesi.

Le borse nazionali sono tutte in calo, in particolare Madrid.

** Il settore bancario perde lo 0,6%, con gli investitori preoccupati sull'impatto del protezionismo sull'economia e del calo dei margini di guadagno delle banche.

** Il settore auto ha recuperato le perdite rispetto all'inizio e ora è piatto.

"Questo è sicuramente un ambiente in cui il mercato è stato capace di ignorare i timori protezionistici, ma credo che la questione sia montata al punto che ora è difficile da ignorare", dice Kristina Hooper, chief global market strategist di Invesco.

** In perdita anche titoli industriali come Airbus, Siemens e Abb, penalizzati dai maggiori rischi per l'export.

** In rialzo invece il comparto dell'energia (+0,8%), grazie al rialzo dei prezzi petroliferi. Ne beneficiano in particolare Bp, Total e Royal Dutch Shell.

** Cala del 4,2% il titolo britannico Iwg, che ha lanciato un profit warning. Per i trader però l'interesse all'acquisto dell'azienda da parte di Terra Firma e Tdr Capital e altri continua a sostenere il titolo.

In rialzo di oltre il 3% Imerys dopo che gli analisti di Exane Bnp Paribas hanno portato il giudizio sull'azienda mineraria francese da "neutral" a "outperform".

** Perde oltre il 6% Rubis dopo che Berenberg ha ridotto il giudizio a "hold" da "buy", citando la debolezza nelle attività di oil storage.

Complessivamente, gli investitori stanno spostando miliardi dalle borse europee a quella Usa, dopo le ultime settimane di tensioni.

L'indice di fiducia globale degli investitori elaborato da State Street è calato nettamente a giugno, soprattutto a causa dell'Europa.

(Helen Reid)