Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,53 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.922,53
    +161,48 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    13.144,65
    +97,46 (+0,75%)
     
  • Nikkei 225

    28.871,78
    +324,80 (+1,14%)
     
  • Petrolio

    89,21
    -2,88 (-3,13%)
     
  • BTC-EUR

    23.774,32
    -318,22 (-1,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    573,70
    -17,07 (-2,89%)
     
  • Oro

    1.794,30
    -21,20 (-1,17%)
     
  • EUR/USD

    1,0164
    -0,0094 (-0,91%)
     
  • S&P 500

    4.300,48
    +20,33 (+0,47%)
     
  • HANG SENG

    20.040,86
    -134,76 (-0,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.789,62
    +12,81 (+0,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8426
    -0,0031 (-0,36%)
     
  • EUR/CHF

    0,9617
    -0,0038 (-0,39%)
     
  • EUR/CAD

    1,3110
    +0,0008 (+0,06%)
     

Borse Europa, terzo giorno consecutivo al rialzo grazie a settore auto

·1 minuto per la lettura

(Reuters) - I mercati europei sono in leggero rialzo, grazie ai guadagni dei titoli automobilistici, chimici e petroliferi che stanno controbilanciando i timori per l'inasprimento della politica monetaria statunitense e la stretta regolatoria in Cina.

L'indice paneuropeo STOXX 600 avanza dello 0,22%, oscillando appena al di sotto del livello record raggiunto nella sessione precedente.

I titoli tecnologici europei avanzano dello 0,2% dopo la performance sottotono di ieri, mentre i settori considerati legati ai bond, come le utilities e cibo e bevande, perdono terreno.

Tra i migliori, Renault avanza del 3,9%, in cima all'indice francese CAC 40 dopo che Qualcomm ha annunciato accordi per fornire chip alle case automobilistiche, inclusa la casa automobilistica francese.

Il carmaker tedesco Bmw scambia in rialzo dell'1,14% dopo aver registrato vendite record di oltre 2,2 milioni di veicoli dal suo marchio Bmw nel 2021.

Il produttore di vaccini Valneva guadagna il 2,4%, interrompendo la serie di perdite di sette giorni consecutivi dovuta dell'incertezza sugli sviluppi del candidato al vaccino contro il Covid-19 dell'azienda.

Male Nestlé, in ribasso dello 2,5%, dopo che Jefferies ha declassato il produttore di Nescafe sulla base delle aspettative che i margini della società svizzera rimarranno sotto pressione a causa dell'inflazione dei costi delle materie prime.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Roma Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli