Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.586,88
    -58,92 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    32.803,47
    +76,67 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    12.657,55
    -63,04 (-0,50%)
     
  • Nikkei 225

    28.175,87
    +243,67 (+0,87%)
     
  • Petrolio

    88,53
    -0,48 (-0,54%)
     
  • BTC-EUR

    22.922,49
    -22,50 (-0,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    533,20
    -2,02 (-0,38%)
     
  • Oro

    1.792,40
    +1,20 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,0181
    -0,0069 (-0,67%)
     
  • S&P 500

    4.145,19
    -6,75 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    20.201,94
    +27,94 (+0,14%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.725,39
    -29,21 (-0,78%)
     
  • EUR/GBP

    0,8430
    +0,0001 (+0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9786
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,3164
    -0,0017 (-0,13%)
     

In calo, pesano titoli energetici, focus su dati occupazione Usa

Panoramica della borsa di Francoforte

(Reuters) - Le borse europee sono in moderato ribasso, con i prezzi del greggio che continuano a pesare sui titoli energetici, mentre l'attenzione è puntata sui dati occupazionali statunitensi attesi nel primo pomeriggio.

Intorno alle 11,00 l'indice paneuropeo STOXX 600 perde lo 0,2% tra i timori che il ritmo aggressivo dei rialzi dei tassi da parte della Federal Reserve statunitense possa rallentare la crescita economica della maggiore economia mondiale.

Il settore petrolifero e del gas scende dell'1% mentre i prezzi del greggio restano vicini ai minimi dall'inizio del conflitto in Ucraina, con i mercati che si destreggiano tra i timori per la scarsità dell'offerta e il rallentamento della domanda. [O/R]

Il London Stock Exchange Group guadagna il 2,7% dopo aver detto che gli obiettivi di costo e di risparmio per l'integrazione di Refinitiv rimangono invariati e che sta lanciando un buyback da 750 milioni di sterline.

Credit Suisse cala dell'1,1% dopo il declassamento della banca da parte di Fitch Ratings e dopo indiscrezioni della stampa locale secondo cui la banca è tra gli istituti a maggior rischio per il fallimento della società finanziaria messicana Credito Real.

I titoli minerari salgono dello 0,6%, con il rame e la maggior parte degli altri metalli di base che continuano a trovare sostegno in un dollaro statunitense più debole.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli