Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    35.398,82
    -11,31 (-0,03%)
     
  • Dow Jones

    40.003,59
    +134,21 (+0,34%)
     
  • Nasdaq

    16.685,97
    -12,35 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    38.787,38
    -132,88 (-0,34%)
     
  • Petrolio

    80,00
    +0,77 (+0,97%)
     
  • Bitcoin EUR

    61.606,79
    +626,73 (+1,03%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.368,11
    -5,73 (-0,42%)
     
  • Oro

    2.419,80
    +34,30 (+1,44%)
     
  • EUR/USD

    1,0872
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    5.303,27
    +6,17 (+0,12%)
     
  • HANG SENG

    19.553,61
    +177,08 (+0,91%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.064,14
    -8,31 (-0,16%)
     
  • EUR/GBP

    0,8555
    -0,0021 (-0,24%)
     
  • EUR/CHF

    0,9881
    +0,0038 (+0,38%)
     
  • EUR/CAD

    1,4787
    -0,0007 (-0,05%)
     

Capacità Europa di superare inverno freddo non ancora testata - manager settore energy

Il panorama dalla Basilica Sacre Coeur di Parigi, coperta dalla neve

AMSTERDAM (Reuters) - L'Europa ha superato con successo la peggiore crisi energetica degli ultimi decenni grazie alla riduzione della domanda e a un paio di inverni miti, ma la capacità del continente di sopravvivere a un inverno freddo non è ancora stata messa alla prova.

Lo hanno detto alcuni manager senior del settore energetico, in occasione della Europe Flame Gas and LNG Conference di Amsterdam.

I manager di aziende energetiche di primo piano - tra cui la francese TotalEnergies e la tedesca RWE - hanno detto che, oltre alle temperature, i rischi principali del prossimo inverno saranno la ripresa della domanda cinese e le interruzioni delle forniture.

I Paesi dell'Unione europea si sono affrettati a sostituire il carburante russo dopo l'invasione dell'Ucraina da parte di Mosca nel 2022, e le importazioni di gas naturale liquefatto (Gnl) sono state determinanti per rimpiazzare una quota sostanziale delle forniture di gas russo.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Nel 2023, l'Europa è diventata il primo importatore di Gnl al mondo, superando la Cina, con 134 miliardi di metri cubi.

"Se avessimo avuto un inverno freddo, o se avessimo un inverno freddo, quest'anno (o) l'anno prossimo, la flessibilità sul lato della domanda diminuirà in modo più significativo" ha detto Cara MacDonald, responsabile delle forniture di Gnl di Rwe.

"Noi (in Europa) abbiamo gestito la situazione attraverso la riduzione della domanda, ma possiamo continuare a farlo? La capacità di aumentare la flessibilità sul lato dell'offerta è limitata", ha aggiunto.

"L'Europa è ancora un mercato premium (come) l'Asia, quindi nei prossimi mesi o anni potremmo assistere a una competizione tra i due bacini in Europa e in Asia in termini di attrattività dei carichi di Gnl in termini economici", ha detto Patrick Dugas, responsabile del trading Gnl di TotalEnergies.

"È importante sottolineare la componente chiave della domanda e dell'offerta a livello mondiale, che è la Cina. La ripresa della Cina caratterizzerà il panorama (del Gnl) dei prossimi anni" secondo Dugas.

Marco Saalfrank, head of Continental Europe Merchant Trading di Axpo Solutions, ritiene che "in realtà, l'Europa non ha sperimentato una situazione molto difficile, perché ha avuto solo inverni miti. Se il prossimo inverno sarà molto freddo e ci sarà una situazione (come) un uragano negli Stati Uniti o qualcosa del genere, allora sarà diverso".

"Vedete che l'Europa sta andando bene. Abbiamo buoni livelli di stoccaggio e tutto va bene, ma ancora una volta, tutto può cambiare e molto rapidamente", ha detto Saalfrank.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Gianluca Semeraro)