Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    47.759,74
    +1.485,19 (+3,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2168
    +0,0100 (+0,83%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8694
    +0,0012 (+0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4751
    +0,0088 (+0,60%)
     

CNH Industrial cede oltre 4% dopo fine discussioni vendita Iveco a cinese FAW

·1 minuto per la lettura

MILANO (Reuters) - Il titolo CNH Industrial perde oltre il 4% dopo aver reso noto sabato di aver messo fine alle discussioni con la cinese FAW Jiefang per la vendita di Iveco.

In una nota l'azienda ha sottolineato anche che intende continuare "a perseguire i piani esistenti in vista della separazione di queste attività nella prima parte del 2022".

Intorno alle 9,40 le azioni CNH cedono il 4,4% a 12,64 euro.

Sabato il ministro per lo Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, ha detto di aver accolto con favore la fine della trattativa.

Gli analisti di Banca Akros sottolineano che la notizia è negativa e non scontata, anche se parzialmente attesa. E aggiungono che una certa opposizione politica e il dibattito sul possibile uso del golden power per fermare l'operazione potrebbe avere avuto un ruolo nella decisione.

"CNH Industrial crede che sussistano significative opportunità per sviluppare il proprio business On-Highway come fattore di accelerazione nell'attuazione di soluzioni e infrastrutture per trasporti sempre più sostenibili, in linea con le ambizioni del Green Deal dell’Unione Europea", si leggeva nella nota di sabato.

(Elisa Anzolin, in redazione a Roma Stefano Bernabei)