Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.003,79
    +43,79 (+0,14%)
     
  • Nasdaq

    13.657,17
    +21,17 (+0,16%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,18
    -276,11 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0022 (+0,18%)
     
  • BTC-EUR

    26.589,18
    +202,19 (+0,77%)
     
  • CMC Crypto 200

    653,00
    +5,67 (+0,88%)
     
  • HANG SENG

    29.391,26
    -767,75 (-2,55%)
     
  • S&P 500

    3.858,59
    +3,23 (+0,08%)
     

Covid, immunità immediata da un farmaco: "Dura 6-12 mesi"

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Coronavirus, nuovo farmaco: "L'immunità dura 6-12 mesi" (Photo by Arnold Jerocki / Getty Images)
Coronavirus, nuovo farmaco: "L'immunità dura 6-12 mesi" (Photo by Arnold Jerocki / Getty Images)

Un nuovo farmaco per evitare che i positivi al coronavirus sviluppino la malattia: la sperimentazione è partita in Gran Bretagna, come riporta il Guardian. Questa terapia, che secondo i ricercatori garantirebbe un'immunità di 6-12 mesi contro il Covid-19, potrebbe essere somministrata come trattamento di emergenza a pazienti ricoverati in ospedale e a ospiti delle case di cura. Così si eviterebbe la nascita di focolai con il coinvolgimento di soggetti fragili.

Il farmaco, inoltre, potrebbe essere somministrato a persone che vivono in famiglie nelle quali qualcuno ha contratto il virus.

GUARDA ANCHE - Sono arrivate in Italia le prime fiale del vaccino anti Covid

A illustrare gli obiettivi della ricerca è la professoressa Catherine Houlihan, virologa presso l'University College London Hospitals NHS Trust (UCLH): "Se riuscissimo a dimostrare che questo trattamento funziona e può evitare che le persone sono esposte al virus arrivino a sviluppare" la malattia legata al "Covid-19, si aggiungerebbe un ulteriore elemento all'arsenale di armi che viene sviluppato per combattere questo terribile virus".

Se dovesse essere approvato, il trattamento verrebbe offerto a qualcuno che è stato esposto a Covid negli otto giorni precedenti. Il farmaco potrebbe essere disponibile a partire da marzo o aprile se dovesse arrivare l'ok dell'ente regolatore regolatore nazionale. Lo studio coinvolge l'ULCH, diversi altri ospedali britannici e una rete di 100 siti in tutto il mondo.

"Ad oggi abbiamo somministrato" il farmaco "a 10 soggetti partecipanti - personale, studenti e altre persone - che sono stati esposti al virus a casa, in un ambiente sanitario o in aule studentesche", ha detto Houlihan.

GUARDA ANCHE - Il coronavirus arriva anche in Antartide