Italia Markets closed

Diario di un trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

Rossana Prezioso
 

Dopo il nulla di fatto al Congresso Usa per la mancata riforma dell'Obamacare, in molti non si fidano più dei mercati.

La situazione sui mercati

►  Come si legge nel close, infatti,   ieri si è assistito a un ritorno corale delle vendite sulle Borse europee che hanno perso tutte terreno. Il Cac40 ha limitato i danni ad un frazionale ribasso dello 0,07%, mentre il Dax30 e il Ftse100 si sono mossi quasi di pari passo, cedendo rispettivamente lo 0,57% e lo 0,59%. Segno meno anche a Piazza Affari dove il Ftse Mib si è fermato sui massimi intraday a 20.124 punti, con un calo dello 0,32%, dopo aver segnato un minimo a 19.930 punti.

►  Per un approfondimento sulla mattinata è possibile leggere la panoramica di riferimento in cui  si sottolinea come la nuova settimana sia partita con il piede sbagliato anche per la piazza azionaria giapponese che ha perso terreno accusando il colpo delle notizie arrivate dall'America. Il Nikkei 225 ha ceduto l'1,44%, appesantito anche dal forte apprezzamento dello yen nei confronti del dollaro che in mattinata viene fotografato in area 110,3. In Germania è stato diffuso l'indice IFO che a marzo è balzato sui massimi da luglio 2011, salendo da 111 a 112,3 punti, oltre le attese degli analisti che si erano preparati ad un frazionale calo a 110,8 punti.

►  Anche Wall Street è ovviamente la prima, insieme al dollaro, a risentire di quanto accaduto al Congresso Usa, il tutto mentre gli investitori continuano a ragionare sulle implicazioni che potrà avere la sconfitta subita da Trump sulla riforma della sanità. E' possibile leggere la sintesi dell'accaduto cliccando qui

I protagonisti

►  Tra i protagonisti della mattinata da segnalare Telecom Italia che deve affrontare la bocciatura, da parte dell'Agcom, della tariffazione a 28 giorni. Gli analisti ipotizzano che  TIM, confermerà l’intenzione di incrementare parzialmente le tariffe anche se con modalità differenti.

►  Interessante anche la posizione di Intesa Sanpaolo grazie alla riduzione dei Npl che fa restare positivi la maggior parte degli analisti 

►  Tra gli altri è da ricordare anche il caso Terna che chiude in rialzo ma senza impressionare più di tanto gli analisti di Banca Imi.

► A Piazza Affari un atteggiamento che si delinea immediatamente in controtendenza è quello che ha evidenziato Banca Mediolanum la quale, grazie alla view di Citigroup, può vantare un rialzo; come spiegato nella view di riferimento,   il titolo allunga il passo sostenuto dal giudizio positivo della banca americana che ha ribadito la view bullish, ritoccando al rialzo il prezzo obiettivo.

Le strategie per le prossime 24 ore

►  Tra le strategie suggerite, quella di Intesa Sanpaolo, MPS Capital Services e Mediobanca sulla possibilità concreta di rischio a causa della frenata dei piani economici di Trump. Quali titoli tenere d'occhio a Piazza Affari? La risposta è consultabile cliccando qui .

► Ad ogni modo la primavera parte bene su Piazza Affari per Roberto Scudelletti, trader indipendente e titolare del sito www.prtrading.it.che consiglia le blue chips da seguire

►  Ottimista anche Gianvito D’Angelo, trader professionista che coniuga analisi intraday e multiday su futures, azioni e forex. Da parte sua viene confermata la view rialzista con una lunga lista di titoli degni di un Buy.

L'agenda macroeconomica

►  Per quanto riguarda l'agenda macroeconomica,  gli appuntamenti da ricordare riguardano il Rapporto sulla fiducia dei consumatori, il Discorso della Presidente della FED Yellen, entrambi dagli Usa  

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online