Italia markets close in 6 hours 45 minutes
  • FTSE MIB

    20.531,39
    -321,28 (-1,54%)
     
  • Dow Jones

    29.683,74
    +548,75 (+1,88%)
     
  • Nasdaq

    11.051,64
    +222,13 (+2,05%)
     
  • Nikkei 225

    26.422,05
    +248,07 (+0,95%)
     
  • Petrolio

    81,18
    -0,97 (-1,18%)
     
  • BTC-EUR

    20.050,12
    +504,66 (+2,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    441,17
    +12,39 (+2,89%)
     
  • Oro

    1.652,40
    -17,60 (-1,05%)
     
  • EUR/USD

    0,9653
    -0,0086 (-0,89%)
     
  • S&P 500

    3.719,04
    +71,75 (+1,97%)
     
  • HANG SENG

    17.165,87
    -85,01 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.286,24
    -49,06 (-1,47%)
     
  • EUR/GBP

    0,8937
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9483
    -0,0015 (-0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,3250
    +0,0008 (+0,06%)
     

Ema, l’Agenzia del farmaco andrà ad Amsterdam. Quanti soldi ci perde Milano?

La sede dell’Ema a Londra. REUTERS/Hannah McKay/File Photo – RC157588BD90
La sede dell’Ema a Londra. REUTERS/Hannah McKay/File Photo – RC157588BD90

Milano non solo perde il sorteggio per aggiudicarsi l’Agenzia del farmaco, ma dovrà rinunciare anche a 1,7 miliardi di euro. Secondo le stime dell’Università Bocconi, infatti, il giro d’affari attorno all’Ema sfiora quasi i 2 miliardi di euro. Iniziamo dai dipendenti: i circa 800 che lavorano a Londra si trasferiranno ad Amsterdam e valgono circa 40 milioni di euro l’anno, tra affitti e consumi.

Le ricadute dirette sulle imprese che intrattengono rapporti di lavoro con Ema superano i 30 milioni di euro. E poi c’è da considerare anche l’indotto. L’Agenzia organizza in media 500 eventi all’anno, attirando 60mila visitatori e il volume turistico complessivo supera i 25 milioni di euro. La struttura organizzativa conta sette comitati scientifici e numerosi gruppi di lavoro composti da esperti provenienti dai diversi paesi Ue. Ogni anno vengono organizzate centinaia di riunioni, conferenze e incontri operativi, ai quali partecipano decine di migliaia di persone esterne.

L’industria farmaceutica. Su questo versante il mancato introito scatena i rimpianti più grandi. L’Italia è il secondo Paese in Europa in termini di produzione, con un valore di circa 30 miliardi, di cui oltre il 70 per cento destinato all’export e il restante 60 per cento concentrato proprio in Lombardia. Praticamente tutte le multinazionali internazionali del farmaco hanno una sede delle nostre parti e l’approdo di Ema a Milano, con l’afflusso di nuovi laboratori, avrebbe giovato al comparto con nuovi investimenti per circa l’8 per cento e con la creazione potenziale di 3mila nuovi posti di lavoro.

Per il 2017 il bilancio dell’Ema è di circa 322 milioni di euro. Di questi circa l’89 per cento, 289,1 milioni di euro, derivano dalle tasse e dagli oneri imposti dai servizi di regolamentazione, mentre 16,5 milioni vengono direttamente dal budget dell’Unione europea e sono destinati a sostenere programmi per i farmaci e per terapie avanzate. Per finire di fare i conti, circa 118,7 milioni di euro, la cifra stanziata per le autorità nazionali, a titolo compensativo, per il loro impegno dell’iter regolatorio. A conti fatti per Milano, anzi per tutta l’Italia, il danno economico è di circa 1,7 miliardi di euro.